[Cm-vigevano] largo al modernismo

Delete this message

Reply to this message
Author: CycloMods
Date:  
Subject: [Cm-vigevano] largo al modernismo
___ - __o __o - __o - __o __o
__  _`\<,_`\<,_  _`\<,_  - _`\<,_`\<,_     largo al modernismo !
___( )/ ( )/ ( )( )/ ( )  ( )/ ( )/ ( )____


Le vecchie stufette semoventi a quattro ruote puzzano di muffa misto arbre
magic. A vederle l=EC, con tutti quegli omini rannicchiati dentro, ferme in
coda, mettono addosso una tristezza tremenda.

Lasciate passare i velocipedi, oh autoinscatolati. Ingroppate anche voi la
strada del progresso. Scegliete la trazione animale.
http://www.scorcher.org/cmhistory/heygetout.html

-----------------------------
elogio della bici modernista
-----------------------------
La bicicletta e' sotto certi aspetti, un simbolo perfetto della modernita'

E' il prodotto di un quasi miracoloso micromondo della tecnica e
dell'invenzione industriale estremamente specializzato nella sua
settorialita'e nella sua capacita'di ottenere funzionalita', leggerezza,
scarso ingombro

La forcella, la trasmissione a catena, il cambio, il freno,
il sellino, la dinamo, il campanello, i pneumatici ad aria inventati dal
veterinario scozzese John Boyd Dunlop e cosi' via.

La bicicletta inoltre, tra le moderne macchine, suscitatrici di
entusiasti futuristici ma anche e frequentemente di odio luddistico,
e' una delle poche che realizza un rapporto equilibrato con l'uomo,
che integra il congegno meccanico con la propulsione umana.

La bicicletta siete voi stessi, e' la vostra pelle cangiata in gomma che
scivola sul terreno, allungando il vostro passo da 75 cm. ad 8 m.,
cosicche' ogni chilometro non e' mai piu' lungo di 2 minuti.

La bicicletta e' sintesi di equilibrio, suscitando il miracolo di certi
fatti nascosti, di mani occulte che sorreggono la parabola evangelica del
camminare sulle acque, se hai fede, i tuoi piedi calmano l'onde e cammini,
se cessa la fede, sommergi.

La bicicletta e' la trasformazione dell'energia in equilibrio, l'esaltazion=
e
dello slancio, l'immagine visibile del vento...ha la bellezza delle forme
elementari, naturali e insieme geometriche...si puo dire di lei cio' che si
puo' dire del violino, ha raggiunto la sua perfezione per sempre, ha toccat=
o
il limite della semplicita'.

E' definitiva nel brivido metallico della sua nudita' balenante.

E ha il pudore del silenzio, lo rompe solo col suo trillo fresco, garrulo,
primaverile, femminile,uccellesco.

E' grandiosa, conversativa, spiritosa.