[Pacipaciana] Questa settimana @ csa Pacì Paciana - Su quest…

Delete this message

Reply to this message
Author: Newsletter del csa Pacì Paciana - Bergamo
Date:  
To: pacipaciana
Subject: [Pacipaciana] Questa settimana @ csa Pacì Paciana - Su queste strade se vorrai tornare ai nostri posti ci ritroverai: 25 aprile con Verona Caput Fasci, Good Old Boys e Horace Andy!


1) Questa settimana @ csa Pacì Paciana, via per Grumello 61/c - Bergamo
2) Su queste strade se vorrai tornare ai nostri posti ci ritroverai

* giovedì 24 aprile **

** _alle 21:30_ VERONA CAPUT FASCI [1] con Elena Vanni e Rubes
Piccinelli **

Una performance di Elena Vanni e Elio Germano, con Elena Vanni e Rubes
Piccinelli.

Il 27 maggio 2008 gli studenti dell'Università La Sapienza di Roma,
impediscono lo svolgimento di una conferenza di Roberto Fiore sul tema
delle foibe, prevista nelle aule dell' Università.
Qualche giorno dopo, attaccando dei manifesti che rivendicano questa
decisone, vengono aggrediti e picchiati da un gruppetto di fascisti di
Forza Nuova. Nei giorni successivi, larga parte della stampa e la
questura, cercano di trasformare un'aggressione squadrista nella solita
rissa tra opposti estremismi.
Per rispondere a questi eventi di violenza, nasce la serata "Anomalia
Sapienza, la verità non si arresta" una serata di mobilitazione,
dibattito e festa per raccogliere fondi per Emiliano, uno dei ragazzi
della Sapienza, ferito durante gli scontri, finito poi agli arresti
domiciliari per ben 2 mesi.
In questo contesto nasce "Verona caput fasci", una performance breve,
semplice e diretta. Nata per dire no a tutti i fatti di violenza e di
fascismo che stanno accadendo intorno a noi. Per resistere insieme a
molte altre persone e dire a gran voce: "Ci siamo, e non staremo zitti".
Strasburgo 8 febbraio 1994, Claudia Roth parlamentare dei Verdi propone
la risoluzione sulle parità di diritti per gli omosessuali nella
comunità. La risoluzione viene approvata dal Parlamento Europeo. Claudia
Roth verrà scomunicata da Papa Carol Woityla.
Il consiglio comunale di Verona, unico comune in Europa, il 14 luglio
del 1995 approva la mozione sulla famiglia che rigettava la Risoluzione
di Strasburgo dichiarando l'omosessualità contro natura.
Lo spettacolo racconta il consiglio comunale, le proteste del circolo
pink e di una piccola, ma attiva parte della cittadinanza, davanti a
questa decisione.
Abbiamo scelto di parlare di un evento radicato nel Veneto degli anni
novanta, per sottolineare l'esistenza di un progetto politico preciso,
che fa della regione, e non è la prima volta nella storia repubblicana,
una specie di grande laboratorio dell'eversione di destra.
Per questo, lo spettacolo è dedicato a Nicola Tommasoli, un ragazzo di
28 anni, che ha pagato con la vita, le conseguenze del radicamento di
una mentalità violenta, fascista, razzista e omofoba.
Una mentalità che non ha nessun rispetto per la persona, che seguendo la
parabola della Verona degli anni 90, si connette tramite un filo mai
spezzato alla nostra condizione odierna, ai fatti dell'Università La
Sapienza, ai fatti di Piazza Navona, e purtoppo a tanti altri ancora.

_Ingresso a sottoscrizione libera_

** _alle 23:30_ le nuove leve della musica urban/underground made in
bergamo sono pronte a deliziare i vostri palati con un dj set infuocato
dallo stile eclettico e poliedrico **
Ai controlli:
Zof (dnb) outta Kind of Bass crew
Rioda outta Bergamo Reggae
R-Exist T (electro breaks) outta Kind of Bass crew
Rili outta Kind of Bass crew
Zam HipHop Lab crew

_Ingresso a sottoscrizione libera_

* venerdì 25 aprile *

** _alle 9:30_ CORTEO ANTIFASCISTA PER LE VIE DELLA CITTÀ [2] **

Concentramento nel piazzale della Stazione FFSS. E come ogni anno
porteremo un fiore a Ferruccio Dell'Orto, partigiano ucciso dai fascisti
a 17 anni.

** _e dopo il corteo_ PRANZO SOCIALE (E SOCIALISTA!) **

Come ogni anno ci ritroveremo nella splendida cornice di via Grumello
61/c per l'appuntamento con il pranzo antifascista al csa Pacì Paciana
per stare insieme e alzare il bicchiere per brindare alla Resistenza
partigiana.

Per info e prenotazioni scrivi una mail.

_Costo: 12 euro_

* sabato 26 aprile *

** _alle 23:30_ GOOD OLD BOYS + HORACE ANDY [3] **
csa Pacì Paciana è particolarmente orgoglioso di presentare un evento
unico nel panorama musicale bergamasco e non solo. Una grandissima
serata con due tra i maggiori protagonisti di altrettante sottoculture
che hanno fatto la storia della Musica. Da una parte i padroni
incontrastati dell'hip hop nostrano, dall'altra la leggenda della storia
della musica jamaicana:
GOOD OLD BOYS aka dj Baro, Danno, Masito, Kaos One, dj Craim
Cinque amici, quattro giradischi, tre rappers, due djs e un unico live.
Le leggende dell'hip hop nostrano Colle Der Fomento, Kaos One e Dj Craim
riunite su un unico palco. Uno show imperdibile che mescola vecchi e
nuovi successi delle due formazioni. Una scaletta che li vedrà tutti e 5
sul palco contemporaneamente.
E in collaborazione con Bergamoreggae, sul palco per la prima volta a
Bergamo un pezzo di storia della musica mondiale: HORACE ANDY aka mr
Skylarking
Dalla Jamaica, dove negli ultimi 40 anni ha collezionato successi a non
finire ("Skylarking", "Money", "You are my angel", "Mr Bassie" e molti
molti altri), al resto del mondo, grazie alle collaborazioni con Massive
Attack e altri grandi produttori europei. Un timbro unico, un artista
leggendario.

_Ingresso: 7 euro_

* domenica 26 aprile *

** _dalle 15_ JAM RESITENTE [4] **

La jam di piazza dante ospitata al c.s.a. Pacì Paciana per un pomeriggio
di rime infuocate e rap consapevole, per spingere tramite l'hip hop
cultura, aggregazione, autogestione e soprattutto antifascismo.
La formula della jam rimane quella di piazza dante, anche se in
trasferta nel csa di fiducia bergamasco: freestyle tutto il pomeriggio e
chi vuole porta la propria chiavetta e canta il proprio pezzo, unica
regola no sessismo, no omofobia!

_Free entry_

* * *

SU QUESTE STRADE SE VORRAI TORNARE AI NOSTRI POSTI CI RITROVERAI

Sulla strada, oggi come 70 anni fa a tutelare la nostra città: una città
libera, viva, socialmente equa, solidale, sostenibile. Sempre, non solo
il 25 aprile: il nostro posto è contro i nuovi e sempre più crescenti
fascismi che, in forma più o meno strisciante, cercano di prendere piede
nella bergamasca, confermando il dato europeo delle emergenti destre di
Francia, Ucraina e Grecia. A Bergamo infatti i fascismi sono sempre più
numerosi: dai pavidi fascisti del terzo millenio di Casa Pound, protetti
e coccolati dalla Questura in ogni loro uscita, che blinda la città per
nasconderli, passando per quella sfera che va dalla Lega Nord alla
destra istituzionale, arrivando fino all'integralismo cattolico che
scende in piazza da dicembre con Forza Nuova, che aderisce ed è presente
alle iniziative omofobe delle "Sentinelle in Piedi".

Noi continuiamo giorno per giorno a combattere queste presenze nella
nostra città, perché qui non c'è spazio per fascisti, razzisti e
omofobi, mai! Per questo il nostro posto sarà nelle strade di Bergamo
anche il 17 maggio, quando queste Sentinelle e i loro sodali
forzanovisti riverseranno il loro malcelato carico di odio e
intolleranza nuovamente nella nostra città. Ma il nostro posto è anche
nella provincia, soprattutto in quegli angoli dove il revisionismo
storico si annida e permette - anche qui di comune accordo con via Noli
- il ribaltamento della verità storica sulle vicende della guerra
partigiana. Ecco quindi che a Rovetta, come ogni anno, viene permesso
che centinaia di nostalgici repubblichini e giovani leve neofasciste
provenienti da tutta Italia e non solo, si ritrovino per celebrare i
caduti della Legione SS Tagliamento, presentati come martiri della
crudele vendetta
partigiana, brandendo bandiere dell'RSI condite da saluti romani,
svastiche e inni al Duce. Così come a Lovere, dove si dà spazio a
squallide commemorazioni per la memoria di podestà assassini, con preti
scomunicati che benedicono Dio e il Duce contornati da naziskin e
svastiche.

Dallo "sdoganamento" fatto da Violante rispetto ai "ragazzi di Salò",
troppe volte da troppo tempo stiamo infatti assistendo a questa
operazione, da fiction come "Il cuore nel pozzo" che pretendono di
riscrivere e reinterpretare la Storia a quanto accade nella nostra Valle
Seriana.
I "poveri ragazzi della Tagliamento" sono gli stessi che si resero
responsabili di efferati massacri e di violenze, lasciando una striscia
di sangue e morte: dai rastrellamenti dell'Operazione Piave a Bassano
fino alle nostre montagne, dagli incendi a Costa Volpino alla
rappresaglia di Fonteno, dall'attacco alla Malgalunga fino all'eccidio
ai Fondi di Schilpario.

Noi non dimentichiamo: il nostro posto sarà quindi a Bergamo come a
Lovere e a Rovetta. Il nostro posto sarà ovunque il fascismo proverà,
nelle sue molteplici forme, a violentare nuovamente la nostra città e la
nostra provincia.

Come settant'anni fa, su queste strade, ai nostri posti ci ritroverai.

_"Alza a battuta zero e fuoco a volontà"_


Links:
------
[1]
http://www.pacipaciana.org/2014/04/15/verona-caput-fasci-con-elena-vanni-e-rubes-piccinelli/
[2]
http://www.pacipaciana.org/2014/04/23/corteo-antifascista-per-le-vie-della-citta-e-pranzo-sociale-e-socialista/
[3] http://www.pacipaciana.org/2014/04/09/good-old-boys-horace-andy/
[4] http://www.pacipaciana.org/2014/04/23/jam-resitente/