[Pacipaciana] Questa settimana @ csa Pacì Paciana - Ol gioe…

Delete this message

Reply to this message
Author: Newsletter del csa Pacì Paciana - Bergamo
Date:  
To: pacipaciana
Subject: [Pacipaciana] Questa settimana @ csa Pacì Paciana - Ol gioedè di' macc', Jah Lion Sound Systeme: "Perchè non accada mai più" - serata sulle morti di Stato e sugli abusi in divisa






1) Questa settimana @ csa Pacì Paciana, via per
      Grumello, 61/c

2) Rompiamo il silenzio! Contro
      omo-transfobia e per i diritti di tutt*!











* martedì 14 gennaio *

** alle 21 [PacianaCinema] LE
        IENE
**

      di Quentin Tarantino (USA, 1992)


      Dopo che una rapina va male, i banditi rimasti iniziano a
      sospettare che uno di essi sia un informatore della polizia. Il
      lungometraggio di esordio di Quentin Tarantino, accompagnato da
      mostri sacri come Keitel, Buscemi, Penn, Roth, Madsen, per un
      classico che è criminale non aver visto almeno una volta.


      Come sempre baretto aperto e tutti i martedì offerta speciale
      pizza + birra artigianale!


Free entry










* giovedì 16 gennaio *

** dalle 19 [OL GIOEDÈ DI’ MACC’] Guadeleppi
        Family
**
       

      Ol Gioedè Dì Macc” is back! Nuovo anno stessi matti!


      Torna l’evento mensile del giovedì a cura della Guadeleppi Family,
      sempre più carico e ricco di sorprese, tra electro, breaks, techno
      & tribe!

      Ai controlli: REBEL8 (using Ableton) VS. R-EXiST (using Traktor) |
      Dj set: MASTINO (Electro/Breaks)


      Dalle 19 ricco aperitivo con buffet!


Free entry










* venerdì 17 gennaio *

** alle 20:30 presso l'Auditorium di piazza della
        Libertà
“Perchè
        non accada mai più” – Serata sulle morti di Stato e sugli abusi
        in divisa
**
       

      Un grande evento nazionale a Bergamo, per presentare ACAD –
      Associazione Contro gli Abusi in Divisa-Onlus: una realtà nata
      dall’iniziativa di un gruppo di attivisti per supportare chi ha
      subìto abusi da parte delle forze dell’ordine.

      Durante la serata sarà presentato ufficialmente anche il nuovo
      Numero verde nazionale anti-abuso 800.588605, una delle iniziative
      di ACAD, che, in tutta Italia, si propone di seguire e supportare
      le vicende giudiziarie ed umane delle tante persone che sono state
      colpite dagli abusi e delle loro famiglie che si battono con
      coraggio per avere verità e giustizia.


      Tra gli ospiti dell’iniziativa ci saranno Mariella Zotti (moglie
      di Vito Daniele, morto nel 2008 durante un fermo in autostrada);
      Lucia Uva (sorella di Giuseppe Uva, morto in seguito a un arresto
      nel 2008 a Varese); alcuni attivisti dell’Associazione Stefano
      Frapporti (morto in carcere a Rovereto nel 2009); Grazia Serra
      (nipote di Franco Mastrogiovanni, morto nel 2009 nel reparto di
      psichiatria dell’ospedale di Vallo della Lucania, dopo essere
      stato legato al letto per più di 80 ore consecutive – collegamento
      via Skype); Ilaria Cucchi (sorella di Stefano Cucchi, morto nel
      2009 a Roma durante la detenzione nel reparto protetto
      dell’ospedale Pertini); Cira Antignano (madre di Daniele
      Franceschi, morto in un carcere francese nel 2010) e Raimonda
      Pusceddu (madre di Stefano Gugliotta, picchiato a Roma nel 2010).
      E, ancora, Filippo Narducci (picchiato a Cesena nel 2010);
      Domenica Ferrulli (figlia di Michele Ferrulli, morto durante un
      controllo di polizia nel 2011 a Milano); Claudia Budroni (sorella
      di Dino Budroni, ucciso con un colpo di pistola sul raccordo
      anulare di Roma nel 2011) e Osvaldo Casalnuovo (padre di Massimo
      Casalnuovo, morto nel 2011 a Buonabitacolo ad un posto di blocco
      dei carabinieri). Proprio su quest’ultima sua storia all’inizio
      della serata verrà proiettato il documentario “Mi chiamo Massimo e
      chiedo giustizia” (presente in sala il regista Dario Tepedino).
      Infine Vittorio Morneghini (picchiato a Milano nel 2012); Giovanna
      D’Aiello (madre di Francesco Smeragliuolo, morto in carcere a
      Monza lo scorso giugno); l’avvocato Fabio Anselmo (legale delle
      famiglie Uva, Cucchi, Aldrovandi, Ferrulli Budroni e Narducci) e
      Italo Di Sabato dell’Osservatorio sulla Repressione. A moderare il
      confronto Checchino Antonini, giornalista.


La serata è ad ingresso libero e gratuito





** dalle 23:30 [Irie Meditation presents] JAH
        LION SOUND SYSTEM meets DUB CIRCUS SOUND SYSTEM + MIND &
        NATURE
**

      Special guest al mic: MC SHAME & SKANDAL


      Shame&Skandal sono due giovani sorelle, che due anni fa
      decidono di unirsi e di lavorare insieme.

      Entrambe hanno un background soul e blues, ma la loro anima è
      reggae. Incominciano allora a lavorare con Dread Lion Hi-Fi e
      attualmente con Prince Jamo, il quale le sta aiutando molto a
      crescere musicalmente.

      Shame&Skandal is Music from family ghetto.

      MC IL BARO e chanter (Quickly Burnin Sound / In Bass We Trust) da
      20 anni al microfono.

      Jah Lion è un sound system vintage attorno al quale si è riunito
      un gruppo di amici.Spinge roots reggae music dal 1997. I bassi del
      sound son quelli originali degli anni ottanta di uno storico sound
      inglese chiamato Jah Trinity (Ras Terry Gad e Milton). Le
      selezioni che spaziano dal roots giamaicano anni settanta alle
      produzioni digital dub inglesi più moderne. La musica di qualità
      che viene proposta è legata allo spirito roots-reggae-dub “vecchio
      stile”. Questa musica di coscienza si concretizza anche in
      esperienza fisica di ascolto tramite il giradischi e il sound
      system. Profondi tuoni bassi e saette dai bullets.


      All the tribes are welcome.


Ingresso a sottoscrizione libera










      * * *


Riceviamo e volentieri vi invitiamo a:

* sabato 18 gennaio *

** alle 16 presso la stazione FFSS di Bergamo ROMPIAMO
        IL SILENZIO! Contro OMO-TRANSfobia e per i diritti di tutt*!

      **


      Non è più il tempo in cui la riflessione solitaria e silenziosa
      produceva "pensiero critico",

      Il silenzio oggi non è nient'altro che un'arma in mano a fascisti
      di vecchia conoscenza e omofobi di nuova generazione, uniti in una
      sodale e pericolosa coppia di fatto, che sulle nostre vite e i
      nostri diritti vorrebbe poter imporre veti.

      È grazie al clima silenzioso (complice ed omertoso) che circonda
      le nostre città, che si compiono quotidianamente le peggiori
      violenze e discriminazioni di matrice OMO_TRANS-fobica.

      La nostra risposta a chi ci vorrebbe in silenzio sarà
      l'espressione massima del nostro rumore. Con la fiera e festante
      esposizione delle nostre diverse diversità abbatteremo i muri del
      silenzio e della presupposta "normalità" entro cui ci vorrebbero
      rinchiudere.


      SARÀ UNA FESTA FATTA DI LIBERTÀ, DI RUMORE E DI COLORI!

      NON SIAMO FATTI PER STARE FERMI NÈ PER RIMANERE IN SILENZIO, con
      organizzazioni LGBT e antifa in piazza insieme contro il silenzio!


      Attraverseremo la città in un movimento festoso e colorato,
      mettendo come sempre in primo piano il nostro volto, quello delle
      nostre famiglie e quello delle nostre migliori aspirazioni!

      Se anche tu, come noi, non ne puoi più di restare in silenzio di
      fronte al clima crescente di Omo_trans-fobia, considerati un
      invitato d'onore!

      Come nelle migliori feste di matrimonio sentiti pure libero di
      portare la tua famiglia di qualsiasi tipo essa sia!! (animali
      inclusi!)


      Non ti dimenticare di portare tutto il necessario per una buona
      riuscita del rumore!! (fischietti, vuvuzelas, trombe, strumenti
      musicali, il campanello della tua bicicletta ed ovviamente il
      carillon di quando eri bambino!!!)


      Arcigay Bergamo Cives | ArcilesbicaXXBergamo | Bergamo Contro
      l'Omofobia | Rete antifascista bergamasca