[Pacipaciana] Questa settimana @ csa Pacì Paciana - This is…

Delete this message

Reply to this message
Author: Newsletter del csa Pacì Paciana - Bergamo
Date:  
To: pacipaciana
Subject: [Pacipaciana] Questa settimana @ csa Pacì Paciana - This is Berghem dj set, Zeus & Hibagon in concerto. E riapre l'Osteria Lo Strozzapreti!






1) Questa
      settimana @ csa Pacì Paciana - via per Grumello, 61/c - Bergamo

2) Sentinelle in nero - pt. II










      * 
venerdì 10 gennaio *

      ** 
dalle 22:30 Ooops
        we do it again… THIS IS BERGHEM DJ SET!
**

      Cominciamo il 2014 alla grande!

      This is Berghem inaugura il primo venerdì dell’anno al c.s.a. Pacì
      Paciana con una sapida selezione per piedi bollenti: dallo ska al
      northernsoul, dal beat all’earlyreggae e rocksteady. E ancora
      rock’n'roll, black, soul fino al punk più grezzo.

      Tra singalong e classiconi non molliamo il colpo: non ci sono
      scuse, se vi scorre sangue nelle vene ballate con il sound di This
      is Berghem!


      ’cause This is Berghem, not. Padania!


Entrata gratuita, of course!










      * sabato 11 gennaio *


      ** 
dalle 20 alle 23 è
      aperta l'
OSTERIA
        LO STROZZAPRETI
*

Piatti e buon vino bio a prezzi popolari!
        Il menù: 
Tagliatelle al ragù, spaghetti cacio e pepe,
      zuppa di cipolle su crostoni di pane. Strudel di radicchio e
      taleggio con insalata di porri e patate, pollo all'orientale con
      insalata all'arancia. Tiramisù.

      Se prendi il menù completo (primo+secondo+dolce), il "quartino" di
      vino rosso è omaggio!


Ti aspettiamo!





      ** 
dalle 23:30 ZEUS!
        + Hibagon + Magnifying My Sphere of Power
**

Un evento live per scuotere corpi e
      menti. Il capannone del csa Pacì Paciana si infiammerà per le
      intense performance di ZEUS!, Hibagon e Magnifying My Sphere of
      Power.

      Suoni duri e reali in una serata di musica e non solo. Energia ed
      emozioni live garantite.

       

      Zeus! è un duo basso + batteria nato nell’ottobre 2010.

      Strumenti usati: batteria con full set di piatti e pedali; basso
      grasso e saturo; voci rotte bitonali.

      Tecnologia utilizzata: polverizzazione del rock e oltre.

      Zeus! Mira ad utilizzare il minimo per ottenere il massimo e non
      è: metal, punk, math, noise, prog, assolutamente non jazz-core, né
      post-qualsiasi cosa. Casomai una somma delle microcomponenti di
      questi tempi, picassiani e psichedelici, per arrivare alle
      peculiari melodie che “liberano il pensiero dalle sovrastrutture
      sociali convenzionali”. For petardo lovers.

      Luca Cavina (Calibro 35, Craxi, Incident on South Street) : voci e
      basso distorto.

      Paolo Mongardi (Fuzz Orchestra, Ronin, FulKanelli, Jennifer
      Gentle) : batteria distorta.


      Hibagon è vivo e vegeto: registra, visita oscure stanze musicali
      sui monti lombardi, commissiona opere visive a malefici artisti,
      ed è sempre alla ricerca di posti in cui poter presentarsi
      violentando i timpani di qualche comune mortale. Abbiate fede nel
      sommo e a breve potreste avere notizie..


      Prima, durante e dopo:

      Magnikying my Sphere of Power: an undefying performance, an
      undefying experience. Per palati fini e stomaci forti.

       

Ingresso: 3 euro










...e in arrivo:

      ** venerdì 17 gennaio @ Auditorium di p.za Libertà ** 
"Perchè
        non accada mai più” – Serata sulle morti di Stato e sugli abusi
        in divisa
*










      * * *


Sentinelle
        in Nero. Parte II


      Sabato 7 dicembre 2013 in pieno centro a Bergamo una cinquantina
      di omofobi del gruppo “Sentinelle In Piedi” dimostrava tutta la
      sua arroganza, supportati da un gruppetto di militanti di Forza
      Nuova, formazione che non nasconde le proprie posizioni
      neofasciste con dichiarazioni spesso cariche di odio, razzismo e
      violenza.

      Le Sentinelle in Piedi mascherano dietro una generica “libertà di
      opinione” istanze smaccatamente omofobe e medioevali; non di meno
      si circondano di gruppuscoli come Forza Nuova, politicamente
      assente in città e impresentabile a livello nazionale. Di contro,
      la parte sana di questa città ha prodotto gli anticorpi necessari
      per non fare passare sotto silenzio una presenza così
      imbarazzante: un presidio improvvisato dei movimenti LGBTQ e
      antifascisti ha evitato che le Sentinelle e i loro (striminziti)
      guardiaspalle potessero passeggiare indisturbati.

      Una volta finita la pantomima delle Sentinelle, i 4 o 5 militanti
      forzanovisti hanno pensato bene di mettersi in posa nella piazza
      ben protetti e coccolati dalla Digos, nonostante il presidio li
      “invitasse” ad andarsene. La Digos ha pensato bene di tenere il
      più possibile i fascisti a mò di provocazione, in modo da poter
      fare eseguire a un plotoncino di Celere con la bava alla bocca una
      carichetta palesemente immotivata (guardate il video della
      giornata del 7 dicembre).

      Il vero motivo in realtà, l’abbiamo capito in queste vacanze
      natalizie, dove ci siamo visti recapitare (insieme ad attivist* di
      altre realtà e collettivi cittadini) un bel plico di denunce… che
      la Questura stia facendo un censimento dei movimenti? Solamente
      così ci possiamo spiegare questa nuova e odiosa operazione
      repressiva, che sicuramente non ci spaventa, così come non ci
      preoccupa la solita connivenza fra questura e estrema destra
      bergamasca (altro che “ribelli al sistema!”).

      Questa polizia è quella reale, non quella immaginifica dei forconi
      – che si leva il casco e sfila in fantomatici cortei – ma quella
      che ammazza persone nel silenzio delle carceri (a tal proposito,
      ACAD – Associazione contro gli abusi in divisa presenterà un
      evento nazionale il prossimo 17 gennaio a Bergamo), quella che
      carica senza alcun motivo, quella che difende i fascisti in ogni
      piazza italiana, quella che copre i benpensanti omofobi che
      tentano di celare dietro a gesti apparentemente innocui come la
      lettura silenziosa di un libro, posizioni ottuse e criminali come
      quelle delle Sentinelle in piedi.