[lowCoast] I: [ReteAntirazzistaBari] convocazione assemblea …

Delete this message

Reply to this message
Author: bellux99@libero.it
Date:  
To: gsf-puglia, docentimobilitati, lowcoast
Subject: [lowCoast] I: [ReteAntirazzistaBari] convocazione assemblea regionale




----Messaggio originale----
Da: tiziana8025@???
Data: 20/07/2011 20.04
A: "reteantirazzistabari reteantirazzistabari"<reteantirazzistabari@???>
Ogg: [ReteAntirazzistaBari] convocazione assemblea regionale



Da varie parti del territorio pugliese sono emerse, in quest’ultimo periodo, più iniziative che hanno denunciato le mancanze delle attuali politiche di accoglienza dei migranti e hanno portato avanti richieste finite sul tavolo della Prefettura di Bari e della Regione Puglia.



Lo scorso 5 luglio a Bari la Rete Antirazzista insieme a 300 migranti del C.A.R.A. di Bari-Palese ha manifestato davanti alla Prefettura per richiedere il rilascio del permesso di soggiorno per tutti. Si tratta di migranti di varie nazionalità che lavoravano in Libia, ma con lo scoppio della guerra sono fuggiti da quel territorio che li considerava mercenari e sono giunti in Italia che in tutta risposta gli ha concesso il diniego, ovvero non gli ha riconosciuto il permesso di soggiorno umanitario. A tal proposito si sono avanzate richieste, senza successo, affinché gli venisse riconosciuto un permesso di soggiorno così come è accaduto per i tunisini. Dalla Regione Puglia si è ottenuto solo la concessione dell’avvocatura gratuita.



Nel frattempo a Manduria si è tenuta una conferenza stampa davanti alla tendopoli per chiederne la chiusura insieme alla concretizzazione di politiche di accoglienza che garantiscano la dignità umana dei migranti. In quell’occasione le realtà tarantine sono state raggiunte dalla Rete Antirazzista di Bari condividendo la necessità di connetterci a livello regionale sulla base delle stesse richieste che sosteniamo, quali la chiusura del campo di Manduria al fine di disarticolare e porre fine alla gestione anomala e tutt’oggi ancora emergenziale del fenomeno migratorio sul nostro territorio.



Senza dimenticare che qualche giorno prima e a distanza di 14 anni si teneva un presidio delle realtà antirazziste brindisine davanti al Tribunale di Lecce che avrebbe emesso la sentenza sulla vicenda della Kater I Rades, la nave albanese che quattordici anni fa fu speronata da un’imbarcazione della Marina militare italiana, causando la morte di 108 persone, risultato delle politiche dei respingimenti delle nostre autorità che qui si continuano a denunciare.



Di questi giorni è la notizia dello smantellamento del campo di Manduria e della riapertura della ex-base militare Usaf USA di San Vito dei Normanni (BR) per “accogliere” i migranti.



Sulla base di tali situazioni e sulla comune richiesta di avere, a partire dal territorio pugliese, un piano di accoglienza che riconosca e garantisca la dignità ad ogni essere umano, è emersa la necessità di confrontarci a livello regionale per condividere e proseguire questi percorsi, pertanto abbiamo deciso di incontrarci a livello regionale a Bari alla Chiesa San Sabino in Viale Caduti del 28 Luglio 1943, n. 5 nei pressi della spiaggia “Pane e Pomodoro” per lunedì 25 luglio alle ore 17.00.



Rete Antirazzista Bari