[democrito] I: 15 16 17 ottobre - ANTIPODI gli spazi nell'er…

Delete this message

Reply to this message
Author: priviteraluca
Date:  
To: 
Subject: [democrito] I: 15 16 17 ottobre - ANTIPODI gli spazi nell'era dell'illusione

    
    
ANTIPODI
GLI
SPAZI NELL'ERA DELL'ILLUSIONE
15-16-17
OTTOBRE 2010
Spazio
Liberato Ex Breda Est
viale
Antonio Pacinotti 9, Pistoia
Tre
giorni agli antipodi delle illusorie rappresentazioni istituzionali:
illusioni reali.
Mostre
di pittura, installazioni, conferenze, teatro, musica.
Assistere
ancora una volta allo Spettacolo di una Società ignara delle proprie
rappresentazioni passate – e dunque intenta a riviverle in forme
lievemente diverse – provoca, nello spettatore cosciente, un
sottile brivido di inquietudine. Da quando l’uomo convertì in atto
il desiderio di rivedere se stesso “oggettivamente”, l’oscura
profondità dell’esistenza – compresa quella evocata dalle
immagini – è stata progressivamente rischiarata, fino ad
appiattirsi nella superficie dello specchio mediatico quotidiano.
Quale impressione suscitano ancora oggi le prime immagini in
movimento, ignari riflessi di luce consegnati per un attimo
all’eternità! Qualcuno, riuscendo ad intuirne la potenza, sfruttò
le immagini per ingrandire la propria mediocrità, ingannando gli
occhi di masse di spettatori ipnotizzati. Oggi ai mediocri conviene –
più che “divinizzare” la propria immagine – ripetere
indefinitamente la propria rappresentazione caricaturale, “umana”,
nella speranza di catturare l’attenzione domestica di un pubblico
più vasto, ma più distratto. I rapporti sociali passano ora
inevitabilmente attraverso la mediazione delle immagini; l’intera
esistenza umana è profondamente influenzata dalla superficialità
della rappresentazione spettacolare. I “nuovi” mezzi di
comunicazione “orizzontali”, congenitamente privi di gerarchia,
portano in sé una promessa di riscatto che fatichiamo ancora a
scorgere. Chiunque può oggi diffondere la propria rappresentazione a
livello planetario; e se è vero che questo permette di comunicare in
modo più immediato, senza i filtri dei media tradizionali, le
vecchie forme estetiche continuano ancora a plasmare e a dominare
l’identità degli individui. La possibilità di comunicare, di far
conoscere le proprie differenze e peculiarità, di venire in contatto
con una quantità potenzialmente enorme di persone differenti e
peculiari, si scontra con le vecchie forme di potere politiche,
estetiche, sociali; la globalizzazione con l’autoritarismo; la
conoscenza universale con il razzismo locale. Non si è altro che
schiavi, liberi di portare ovunque le proprie catene. Chi è
condannato – o si condanna – alla reclusione nel territorio,
nelle città fredde e razionali della produzione, nelle anemiche
città d’arte, nelle terre desertiche dell’indolenza; ovunque
ritrova in espansione il taciuto, moderno spazio-spazzatura:
stratificazione delle scorie della storia, delle produzioni, degli
esperimenti, dei flussi di umanità, sangue, denaro. Tuttavia, uno
spazio può essere vissuto come assenza di centro, come promessa di
(dis)organizzazione creativa, cartografia nomade agli Antipodi
dell’inerte topografia stanziale: si tratta di seminare
biodiversità negli spazi asettici, saturare di energia i luoghi
comuni per fecondare materia inerte altrimenti destinata alla
distruzione. Ai margini della società dello spettacolo, in cerca di
un’altra illusione – quella della realtà - non resta che il
nomadismo, psichico e fisico; non resta che l’esilio, forzato e
volontario. Nave di folli, di pirati in cerca di Spazi dove riunire
le forze per l’ennesima battaglia finale. L’ orizzonte comune è
una corda tesa sopra l’abisso della produzione senza progresso:
reinvenzione del futuro nelle moltitudini, in ogni singolo; nelle
moltitudini di ogni singolo: macchina da guerra nomade.

ANTIPODI
GLI
SPAZI NELL'ERA DELL'ILLUSIONE



I°ATTO


17:00/19:30
Conferenze

Raffaele
Ferro “finalmente
scopre l'Acrazia (e prova a dirvela con l'aiuto di Aldo Braibanti nel
suo testo sconosciuto “ Impresa dei prolegomeni acratici )”.
(Site
Specific)

Prof.
Giuseppe Moschella (insegnante
nell'area del sostegno e bibliofilo).

“Lo
spazio illusorio tra Islam e Cristianesimo”. (Site
Specific)

Intervista
Video con
Sylver
Lotringer.



Docente
di Letteratura Francese e Filosofia alla Columbia University (NY).
http://it.wikipedia.org/wiki/Sylv%C3%A8re_Lotringer



ore
19:40
Inaugurazione
Mostre + Aperitivo Jazz

Sebastiano
Benegiamo
“Damien e Demien” (Pittura)
http://sebastianobenegiamo.blogspot.com/

Alessandro
Di Grande
“40 ritratti di donna” (Pittura), “Lezioni del Male”
(Cortometraggio video installazione)
http://www.exibart.com/profilo/autoriv2/persona_view.asp?id=102816

Matteo
Maria Martini Spada
“Lume” (Installazione)

Lanfranco
Lucchesi
e Figlio
“In
Fucina” (pittura)

Cristiano
Di Martino
(pittura) cristianodimartino@???



Elisa
Baregi
(pittura) asileba@???



Curatore
Andrea
Lucchesi



Installazione
Fotografica a cura di Fabrizio
Bertini
e Alessandro
Chiti

“Raffigurazioni
di Junkspace. Geografie della differenza nella metropoli. La piana
firenze-prato-pistoia verso il "comune" ?”
(Site
Specific)

Installazione
a cura di
LabAct
Incursioni Urbane
“Tutti gli oggetti che ho” (Site
Specific) http://www.myspace.com/act_theatret_sleb



Mostra
Fotografica a cura del Comitato
Pistoiese per la Palestina

“Gaza gli spazi della segregazione”
(Site
Specific)


ore
22:00/22:20
Performance
di
DadaEnsemble
(Lu) con
"Ursonate
di Kurt Schwitters" (20
minuti)
http://www.dadaensemble.eu/

ore
22:30/23:40
Concerto
Gioacchino
Turù e
Vanessa
V. (Fi)


Gioacchino
Turù sono una delle nuove promesse del pop italiano meno
convenzionale ed irriverente. Scrivono canzoni che mettono insieme
anti-pop elettronico a bassa fedeltà, con spruzzate di cantautorato
nonsense e schizzi di romanticismo urbano.
Batterie elettroniche
8-bit, tastierine, pifferi, strumenti giocattolo di fortuna e groove
box sono la strumentazione messa insieme dal duo nelle 17 canzoni che
compongono “il crollo della stufa centrale”. Apparentemente
strampalati, a tratti ubriachi e provocatori, a tratti ancora
romantici, i testi e le melodie ti restano appiccicati addosso.
Piaccia o non piaccia, Gioacchino e Vanessa non passano certo
inosservati e comunque lasciano sensazioni forti, che lo si voglia o
meno, che li si ami o li si odi, vi ritroverete a canticchiare i
testi delle loro canzoni nel sonno, sotto la doccia, seduti sulla
tazza del cesso.


ore
..:../..:..
L'Improponibile
Conferenza
(itinerante) con “Alcolici Gratis”.

(Site
Specific) www.improponibile.com




Seriamente
parlando, non c'è niente di più serio oggi che dire idiozie, lo
diceva anche Boris Vian. Niente più, se non negarle affermandole, o
demolendole al suono degli skipback. Forse è arrivata l'ora di
ridare importanza alla scienza, parliamo allora della riproduzione
delle felci.






II°ATTO


ore
17:00/20:00
Conferenze

Lorenzo
Barbieri (pittore,
presidente Ass. Artefice), Adriano
Bimbi
(Docente di Pittura Accademia di Belle Arti),
Tarik
Berber
(pittore, performer, video artista)
http://www.myspace.com/tarikberber

Coordinatore
:
Alberto
Gori.

Alessandro
Ferro
(Studioso
e traduttore di letteratura Cinese).

“Realtà,
illusione e limite del vuoto: lo spazio nel regno di mezzo”.


(Site
Specific)

Introduce
Raffaele
Ferro.

ore
20:00/21:00
Aperitivo Meccanico

Installazione
Concerto a cura di InFlux
con
“Rumore
di Fondo – Monolo A”
(Site
Specific)
http://www.influx.it/




...il
suggerire divenne molto più importante del dire, l’evocare sembrò
molto più interessante dell’esporre, e le certezze di un mondo
consolidato si sfaldarono nei dubbi eterni della coscienza.


ore
21:45/22:45
Concerto Elettronico di ATX
(http://www.myspace.com/atx_music)



con
Adern
X
& Tomas
Poly
+ InFlux
(Visual)


Il
fascino sottile del suono (pre)registrato: piatti da una parte,
laptop dall'altra. Tomaso Azara eclettico dj e musicista dai mutevoli
percorsi sonori, Adern X sound artist di vocazione sperimentale
cercano un punto d'incontro tra linguaggi diversi ma nati da
influenze comuni. Incontro/scontro tra due estetiche unite dall'idea
di riuscire ad interagire tra loro non solo dialogando ma
giustapponendosi per (di)mostrare i significati che nascono dalla
fusione fra suono, ritmo e rumore. Per scelta estetica il set sarà
improvvisato al fine di adattarsi il più possibile al luogo,
mescolando i beat dei lettori cd, il rumore della radio AM, samples e
filtri digitali cercando non l'autismo sperimentale ma una certa
comunicatività quasi pop.


ore
23:00/24:15
concerto
di
Sbannok
(Rock
Demenziale)


Li
Sbannok vengono concepiti da Andrea e Matteo nel febbraio del 2006
durante il provino di ammissione a Sanremo Giovani degli Emptiness
,gruppo in cui i due militavano, come spontanea ed estemporanea
risposta all'atteggiamento distaccato e provocatorio del
selezionatore, che ne rimane semplicemente shockato. Fin da subito è
evidente la potenza e la grandezza artistica di questa nuova
"creatura", tant'è che, insieme a Valerio e Lorenzo, il
loro poliedrico repertorio cresce in breve tempo raggiungendo vette
artistiche ed espressive ai più sconosciute, che li rendono uno dei
progetti più prolifici, unici e stimati di Viale Adua. Con cieca
determinazione e stoico eroismo, continuano da allora a diffondere il
verbo tra gli stolti nelle loro semplicemente superbe ed
indimenticabili apparizioni.


ore
24:30/02:15
djset
libero con
Pavel





III°ATTO

ore
16:45/18:15
conferenza

Prof.
Marco Dotti (Docente
di Professioni dell'editoria (ECM), Università di Pavia, è saggista
e traduttore di numerosi testi in lingua francese).
www.tysm.org

Discussione
su Antonin Artaud nella sua “Totalità” e su “l'Intossicazione
Volontaria”.


ore
18:30/19:45
concerti




di
Faraday
(Epyc
Metal) –
30 minuti
Yell
Blues (Rock-Blues)

30 minuti

ore
19:45/21:00
aperitivo
Oltre le Mura + concerto


di
Quanti
(Dissonanza acustica) –
30 minuti

ore
21:00/21:45
concerto



di
Speed
Fire (Hard-Heavy
'60/70) –
30 minuti



ore
22:00/23:00
conferenza

Piece
a cura di Nevrosi
(conferenza spettacolo) con Nicola
Ruganti e
Lorenzo
Maffucci.


(Site
Specific) http://www.myspace.com/nevrosi


ore
23:15/01:00
concerto




di
The
Arp Experience (Rock
Psichedelico Jimi Hendrix Living Tribute)





www.spazioliberato.org
antipodi@???
http://act-theatret.blogspot.com/
http://www.myspace.com/act_theatret_sleb
http://www.myspace.com/spazioliberatoexbredaest

http://www.facebook.com/pages/SLEBest-SpazioLiberatoExBredaEst/88449753915
PROGRAMMAZIONE
SOGGETTA A CAMBIAMENTI REPENTINI E SENZA PREAVVISO. EVENTO NON
INTACCATO DA CAVILLI BUROCRATICI ED ESISTENZIALI. NO SPONSOR, NO
COMMERCIAL, NO STUPUDITY.
SI PREGA LA PARTECIPAZIONE ATTIVA E FUORI DAI CANONI DI FRUIZIONE.