[Precarity-zine] protestano 3000 terremotati a Roma

Delete this message

Reply to this message
Author: v.miliucci
Date:  
To: ENconfcobas, lavoroprivato, networkanticapital, precarity-zine, nomortilavoro, energia
Subject: [Precarity-zine] protestano 3000 terremotati a Roma
GESTIONE GOVERNATIVA DEL TERREMOTO : DOPO ROMA SI CAMBIA !!


La protesta dei terremotati abruzzesi si sposta a Roma : il 16/6 un’invasione pacifica e di massa , risoluta e rumorosa , ha investito i palazzi dei poteri romani.
Almeno in 3000 , di cui oltre 2000 provenienti da L’Aquila e da altri comuni terremotati, hanno prodotto questo primo scossone . In grado di pesare , sia nelle votazioni avviate per convertire in legge il contestato e vuoto “decreto sul terremoto”, sia sulla gestione proconsolare dell’emergenza – sulla militarizzazione e sequestro del territorio e dei cittadini ad uso delle lobby della ricostruzione – con il chiaro indirizzo di restituire la sovranità popolare alle comunità locali, con tanto di potere decisionale e di spesa.
Sullo sfondo gravano i ritardi persistenti nel passaggio da tenda a casetta, da casetta a ricostruzione finale. Emerge la cruda realtà del disagio presente e della preoccupazione di un nuovo inverno all’addiaccio.
Ora ci si accorge delle tante fandonie profuse mediaticamente da Berlusconi, compresa quella del “ G8 che favorirebbe i terremotati”, mentre prende corpo la miserabile vergogna della sussistenza ai terremotati “ fornita dalle rimesse delle Lotterie,gioco del Lotto e similari”.

Dopo questo scossone romano si cambia pagina !
L’attesa è finita, si è capito che è la lotta e la partecipazione che producono il cambiamento.
E’ uno spirito ritrovato , che fa ben sperare nella partecipazione popolare alle iniziative di protesta contro “ le amare ricette sulla crisi cucinate dai maitre del G8 a L’Aquila”.
Un contributo solidale e straordinario da parte dell’insieme nazionale delle molteplici resistenze sociali, alla risoluzione urgente degli enormi problemi che affliggono i terremotati abruzzesi.

Roma 16/6/09                               Vincenzo Miliucci - Confederazione  Cobas