[newimcabruzzo] Edit Story 5380 Performed by vinc3nt

Delete this message

Reply to this message
Author: vinc3nt
Date:  
To: newimcabruzzo
Subject: [newimcabruzzo] Edit Story 5380 Performed by vinc3nt
Oscailt 3.0 Automatic Notification
Date : Monday, Jul 28 2008, 5:57pm
Action : Edit Story 5380 Performed by vinc3nt
Reason : <not specified>

Link: http://abruzzo.indy.ortiche.net/article/5380
--- Story 5380 ---
Title   : Titolo
Subtitle   : 
Topic   : Diritti e Libert&agrave
Region   : Abruzzo
Type      : Riservate
Language   : Italiano (it)
Author   : Autore
Organisation   : 
Email   : newimcabruzzo@???
Phone   : 
Address   : 
Related Link   : 
Time Posted   : Thursday, Jul 24 2008, 4:29pm
--- Summary ---
In abruzzo, si tenta di scrivere, di partecipare e di comunicare.
--- Content ---
<p>Situazioni di <a href="/article/1452">conflitto</a> dislocate [<a href="/article/4552">pescara</a> - <a href="/article/4442">bussi</a> - <a href="/article/5297">ortona</a> - <a href="/article/42">marsica</a>], rendono la condivisione delle informazioni necessaria, e in molti si arrangiano come possono, invadendo qualsiasi spazio che sulla rete permette lo scambio di notizie, informazioni, commenti, e idee.</p>


<p>Purtroppo per loro, non tutti gli strumenti sono buoni, utili e soprattutto sicuri, così capita che chi pensa di utilizzarli per esprimere il proprio pensiero si ritrova a fare i conti con guai giudiziari.<br />
E' il caso di primadanoi.it. Il giornale online, l'8 luglio 2008, con un <a href="/article/5338">comunicato</a> informa i propri lettori ed utenti, che in seguito alle molte querele ricevute <i>"soprattutto da politici e amministratori"</i> offrirà tutti gli strumenti necessari alla polizia postale per tracciare e risalire ai responsabili dei commenti, augurandosi che "possano fioccare condanne esemplari" e valutando addirittura la possibilità di "costituirsi parte civile contro tutte quelle persone che con commenti offensivi e diffamatori non hanno fatto altro che ledere la nostra immagine e produrre un detrimento per la nostra testata."</p>

<p>Come se non bastasse, il 14 luglio riceviamo attraverso il nostro <a href="/contact_us">modulo contatti</a>, una <a href="http://lists.autistici.org/message/20080714.060208.56356ea4.it.html">mail</a> a firma di <i>Alessandro Biancardi</i> [direttore di primadanoi.it], nella quale ci informava dell'intenzione di voler avviare una querela nei confronti di questo sito. La motivazione risiede nella pubblicazione sul newswire di questo articolo: "<a href="/article/5338">primadanoi.org gli infami amici delle guardie</a>".<br />
Secondo la mail eravamo tenuti a nascondere entro un giorno l'articolo ritenuto infamante e diffamatorio, pena l'avvio di un procedimento penale nei nostri confronti [ribadito il 21 luglio da una <a href="http://lists.autistici.org/message/20080721.140516.63479056.it.html">seconda mail</a> a firma dell'avvocato Simona Lotti].<br />
<strong>Non mantenendo i log di chi utilizza questo strumento e non abbiamo quindi nessuna certezza che chi abbia mandato quelle mail corrisponda alle firme, ma indipendentemente da chi abbia scritto quelle parole noi lo riteniamo un fatto molto grave.</strong></p>

<p>
Indymedia - non ci stancheremo mai di ripeterlo - è uno spazio di informazione libero e indipendente [<a href="/about_us">chi siamo</a>], che si fonda sull'<a href="/open_publishing">open-publish</a> [la pubblicazione aperta] dove chiunque può pubblicare quello che vuole attenendosi alle regole base che ci siamo dati [<a href="/editorial">policy</a>], e che <strong>a differenza di altri siti garantisce il più possibile la privacy dei propri utenti [<a href="/privacy">privacy</a>]</strong>.</p>