[Erbalive] pisa presidio 16 novembre contro la tolleranza ze…

Delete this message

Reply to this message
Author: mari41
Date:  
To: montunero
Subject: [Erbalive] pisa presidio 16 novembre contro la tolleranza zero!!

..SIAMO IN PERICOLO...

Anche i dati del Ministero dell’Interno dimostrano come i crimini in
Italia siano in diminuzione; non è però questa l'immagine che i media
(fedeli all’insegnamento del nazista Goebbels «basta ripetere in
continuazione una bugia per farla diventare verità») ci propongono. Ogni
giorno vengono diffuse notizie riguardanti fatti di criminalità commessi
da immigrati, consumatori di sostanze, persone psichiatrizzate, facendo
leva sul comune pregiudizio per giustificare l'esigenza di leggi
securitarie; un' “emergenza crimine” che fa crescere l’odio, la paura e
l’intolleranza.
Il senso di insicurezza, derivato da una società per pochi privilegiati
che crea precarietà, viene così deviato verso quel “pericolo”, quel
“nemico” contro il quale puntare l'indice e agire; categorie
“colpevoli” di fare paura sono di volta in volta evidenziate: capri
espiatori di un clima di disagio sociale che ha però le sue radici nella
struttura stessa della società.
Ecco che si alternano leggi sempre più restrittive (anti-droga,
anti-graffiti, anti-immigrazione, ecc), si innalzano mura creando veri e
propri ghetti, si riempiono le carceri, aumenta il ricorso al
TSO(Trattamento Sanitario Obbligatorio), si diffonde a macchia d'olio
l'uso di psicofarmaci, si chiudono gli spazi sociali di aggregazione;
tutti quei comportamenti che esulano dal modello sociale propagandato
vengono colpiti, criminalizzati o psichiatrizzati. A volte, le persone
vengono anche uccise.

Perugia, Aldo Bianzino, falegname di 44 anni, entra in carcere il 12
Ottobre per la coltivazione di alcune piante di Cannabis; ne esce morto
il 14 Ottobre. Secondo l’autopsia le lesioni interne riscontrate sul suo
corpo sono compatibili con l’omicidio. Aldo era in isolamento, le uniche
persone con cui aveva contatto erano gli agenti carcerari.
Bologna, nel mese di ottobre 7 ragazzi sono stati arrestati perchè
sorpresi a fare scritte su un muro. Processati per direttissima, i 7
writers sono stati colpiti da pene tra i 5 e i 10 mesi di carcere e sono
tuttora in prigione; a nessuno di loro (neanche a quelli incensurati) è
stata concessa la condizionale. È la prima volta in Italia che delle
persone sono finite in carcere per delle scritte su un muro.
Empoli, 12 giugno 2007 Roberto Melino, 24 anni, muore in reparto
psichiatrico per arresto cardiocircolatorio; il giovane era entrato il 4
giugno in TSV (Trattamento Sanitario Volontario), tramutato dai medici
in TSO alla richiesta di andare a casa; resta da chiarire se la morte
sia avvenuta per cause naturali o in seguito alla somministrazione di
farmaci.

Questi sono solo alcuni degli ultimi casi dell’isteria proibizionista e
securitaria che in questi ultimi anni ha fatto decine e decine di
vittime nelle carceri (ricordiamo Marcello Lonzi morto l'11 luglio
2003), nei Reparti Psichiatrici, nei CPT e negli OPG (Ospedali
Psichiatrici Giudiziari) , e nelle strade, come successo a Federico
Aldrovrandi morto a Ferrara il 25 settembre 2005 x un pestaggio ad
opera della polizia locale.

BASTA CON LE LEGGI CHE IMPONGONO IL CONTROLLO DELLO STATO SULLE SCELTE E
GLI STILI DI VITA DELLE PERSONE!
BASTA CON L’ISTERIA DELLA SICUREZZA CHE SERVE AI PADRONI E ALLO STATO PER
MANTERE LA PACE SOCIALE!

NO ALLA TOLLERANZA ZERO
Venerdì 16 Novembre dalle 17 alle 20
PRESIDIO in LARGO C. MENOTTI

Liberi Tutti/Canapisa Crew                   Collettivo Antipsichiatrico
Antonin Artaud
www.osservatorioantipro.org            www.artaudpisa.blogspot.com
canapisa@???                 antipsichiatriapisa@???



----------------------------------------------------------------------------
DEXGATEMICRO il centralino VoIP multifunzione per l'azienda.
Prova gratuita per 4 utenti!


Scopri tutte le funzionalita' sul sito Dexgate.com
----------------------------------------------------------------------------