[Erbalive] COMUNICATO STAMPA PRESIDIO OSP.S.GIUSEPPE -EMPOL…

Delete this message

Reply to this message
Author: mari41
Date:  
To: montunero
Subject: [Erbalive] COMUNICATO STAMPA PRESIDIO OSP.S.GIUSEPPE -EMPOLI

--- In C_RAP@???, "telefonoviola1996"
<telefonoviola1996@...> ha scritto:

ROBERTO E' MORTO PERCHE' AVEVA RAGIONE
ROBERTO E' MORTO PERCHE' GLI PSICHIATRI AVEVANO TORTO.
Sabato 30 giugno si è svolto davanti ai cancelli dell' ospedale
s.giuseppe il presidio indetto DAL COLLETTIVO ANTIPSICHIATRICO DI PISA
A.ARTUAD,IL COLLETTIVO ANTIPSICHIATRICO DI FIRENZE VIOLETTA
VANGOGH,IL C.S.A. INTIFADA DI EMPOLI E IL COLLETTIVO DEL TELEFONO
VIOLA-T28 DI MILANO per protestare contro la morte di ROBERTO MELINO
avvenuta mentre si trovava rinchiuso contro la sua volonta' nel
reparto psichiatrico(spdc)dell' ospedale,in regime di trattamento
sanitario obbligatorio(tso).
ROBERTO MELINO,un giovane empolese di 24 anni,dopo essersi sentito
poco bene durante una festa,arrivato al p.s. dell' osp,chiede di
essere ricoverato(4 giugno)aveva chiesto agli psichiatri del reparto
di essere ricoverato,con la speranza di ricevere un beneficio
psicologico.
Il giovane viene subito sottoposto ad una intensa terapia a base di
farmaci neurolettici-neuroplegici,finalizzati solo al contenimento
psicofisico della persona.
Da sempre sono noti numerosi e gravi effetti collaterali di tali
sostanze contenitive.Da sempre è noto L'INDIFFERENZA E LA LEGGEREZZA
CON LE QUALI LA PSICHIATRIA PUBBLICA DISPENSA A PIENE MANI TALI
SOSTANZE(NEUROLETTICI-ANTIPSICOTICI-IPNOTICI)L a terapia neurolettica
a cui è sottoposto ROBERTO provoca un vistoso e pesante rallentamento
di tutti i suoi movimenti ed aggrava cosi fortemente il suo malessere
fisico e psicologico che gia al secondo giorno di ricovero,martedi 5-
06,egli chiede agli psichiatri del reparto DI ESSERE DIMESSO E DI
POTERE TORNARE A CASA.E qui avviene un fatto grottesco:gli psichiatri
del reparto spdc dell' ospedale S.Giuseppe gli rispondono di essere
contrari alla sue dimissioni:pertanto al fine di trattenerlo nel
repartoCONTRO LA SUA VOLONTA',chiedono e ottengono di trasformare il
suo ricovero DA VOLONTARIO AD OBBLIGATORIO.
Questa decisione rappresenta IL COMPLETO TRAVISAMENTO DELLA LEGGE CHE
GOVERNA IL T.S.O.(trattamento sanitario obbligatorio-legge 180 ed ex
l.833 maggio 1978-dic1978 ist. ssn)che come è noto,prevede tali
trattamenti SOLO in presenza di 3 condizioni:CHE UNA PERSONA SIA IN
FASE ACUTA"DI MALATTIA MENTALE..",CHE NON VOGLIA CURARSI,CHE NON
ESISTANO ALTERNATIVE AL RICOVERO IN OSPEDALE.
In realta' ROBERTO esprime esplicitamente la sua volonta di
curarsi,si ricovera volontariamente in ospedale perche' vuole stare
meglio,nel TSO di Roberto,pertanto NESSUNA DELLE 3 CONDIZIONI
NECESSARIE PER POTERLO ATTIVARE ERA PRESENTE!
Non conosciamo le motivazioni con le quali gli psichiatri si siano
opposti alla volonta' di ROBERTO di essere dimesso e tornare a casa;
di una cosa pero' siamo piu' che certi:
QUEGLI PSICHIATRI HANNO AVUTO CERTAMENTE TORTO A NEGARE LA VOLONTA'
DI ROBERTO,MENTRE ROBERTO AVEVA SICURAMENTE E TRAGICAMENTE RAGIONE.
E cosi' da martedi 5-06 le terapie nuerolettiche a cui viene
sottoposto ROBERTO diventa anche coercitiva,peggiorando ulteriormente
le sue gia precarie condizioni psicologiche.
Dopo 7 giorni di tale impietoso trattamento pseudo-sanitario,all'
alba di Martedi 12 ROBERTO MELINO MUORE IMPROVVISAMENTE NEL SUO LETTO
(in reparto psichiatrico)PER ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO.
La Madre,ultimo famigliare che vede in vita ROBERTO,riferisce che la
sera prima aveva notato un cosi' grave e repentino peggioramento
delle condizioni psicofisiche di Roberto"che non era piu' capace di
reggersi in piedi,al punto che, per camminare,era costretto a farlo a
gattoni,ovvero con le mani e i piedi.
la magistratura ha aperto un inchiesta e ordinato l'autopsia.
I FAMIGLIARI DI ROBERTO hanno incaricato un Avvocato per seguire
l'inchiesta e per vigilare che venga fatta piena luce sulle cause
dell' improvvisa morte di Roberto
AL PRESIDIO DI SABATO 30-06 hanno partecipato numerose persone che
hanno distribuito un comunicato sull' accaduto,ai passanti,ai parenti
dei degenti,al personale infermieristico e medico.Su un grande
striscione era scritto BASTA MORTI IN PSICHIATRIA"
Una copia del comunicato è stata consegnata presso gli uffici del
centro di igiene mentale diretto dalla Dott.ssa Quattrocchi.
(resp. della U.O.P. dell' Osp. S.Giuseppe di Empoli)
Non è stato possibile,invece, consegnare il medesimo documento nel
reparto di psichiatria,allo psichiatra di guardia,perche'AVENDO
SUONATO PER BEN 12 VOLTE IL CAMPANELLO DELLA PORTA CHIUSA DEL
REPARTO,nessuno si è presentato alla porta...A questo punto il
documento è stato consegnato alla U.R.P.(uff. relazioni pubbliche
dell' osp.)perche venisse recapitato alla Direzione Sanitaria dell'
Ospedale S.Giuseppe.
Empoli 2-07-2007
COLLETTIVO ANTIPSICHIATRICO ANTONIN ARTUAD DI PISA
COLLETTIVO ANTIPSICHIATRICO VIOLETTAVANGOGH DI FIRENZE
C.S.A INTIFADA DI EMPOLI
COLLETTIVO DEL TELEFONO VIOLA-T28 DI MILANO

--- Fine messaggio inoltrato ---




----------------------------------------------------------------------------
DEXGATEMICRO il centralino VoIP multifunzione per l'azienda.
Prova gratuita per 30 giorni e 4 utenti!


Scopri tutte le funzionalita': http://www.dexgatemicro.com/
----------------------------------------------------------------------------