[DESmilano] ATTAC a Fa' La Cosa Giusta

Delete this message

Reply to this message
Author: Vitiello Mario
Date:  
To: desmilano
Subject: [DESmilano] ATTAC a Fa' La Cosa Giusta
Fa' la cosa giusta 2007



ENERGIA ACQUA TRASPORTI

domenica 15 aprile - h 10.00 - Fiera Milano City



Dalle mobilitazioni popolari la critica ad un modello di sviluppo energivoro che genera profitto devastando l'ambiente e spezzando il legame sociale delle comunità territoriali. La Val Susa ed i Movimenti per l'Acqua sono esempi forti di resistenza ad un modello economico, energetico, territoriale e sociale arrogante e violento. Segno di speranza per tutte le lotte che formano la coscienza viva dei territori.



ANTONIO FERRENTINO

Presidente Comunità Montana Bassa Val Susa - Sindaco di Sant'Antonino Susa



GUIDO VIALE

Ricercatore - Esperto di mobilità



GUGLIELMO RAGOZZINO

Giornalista economico - "il manifesto"



MARCO BERSANI

Forum italiano dei movimenti per l'acqua - ATTAC Italia



Un territorio, quello della Lombardia ed in particolare la città di Milano, intensamente popolato ed antropizzato, con gi indici più elevati in Italia per la presenza di infrastrutture e il consumo di suolo (sprawl).

La rendita immobiliare esasperata, coniugata con una inesistente, e quindi devastante, politica della casa, provocano l'espulsione dai confini comunali della la maggioranza dei cittadini milanesi.

Un Governatore (Formigoni) ed un Sindaco (Moratti) che promuovono un "modello Milano" in cui l'area metropolitana attira e concentra traffico, cemento ed inquinamento, e consuma abnormi quantità di risorse energetiche. Un modello termodinamicamente non sostenibile, in cui gli indicatori di qualità ambientale si rivelano in continuo decadimento.

Un modello devastante soprattutto dal punto di vista sociale, che genera povertà, emarginazione, segregazione e controllo del/sul territorio, uno schema che favorisce la demolizione sistematica di quella "sicurezza sociale" che dovrebbe essere costituita da sanità - istruzione - cultura - spazio pubblico - ... I processi di privatizzazione e di liberalizzazione, che mirano a smantellare i beni comuni, e la "scomparsa della politica" nelle forme di classiche e di partecipazione democratica, vedono l'affermarsi di poteri forti, invisibili, trasversali alleati di soggetti economici e finanziari.

Le resistenze delle comunità, dei territori e dei cittadini producono un agire esperto, una capacità complessa di ripensare e progettare il territorio, le sue infrastrutture ed i modi del vivere e del produrre.



Per info: milano@??? - attac.trasporti@???