[Gioia_per_Catania] LETTERA DI UN CAVALLO MORTO AL SIG. SIND…

Delete this message

Reply to this message
Author: gioia_per_catania
Date:  
To: gioiaxct
CC: gioia_per_catania
Subject: [Gioia_per_Catania] LETTERA DI UN CAVALLO MORTO AL SIG. SINDACO DELLA SUA CITTA’
Egr. Sig. Sindaco

le sembrerà strano che un cavallo morto possa
scrivere una lettera a un sig. sindaco vivo. Ma lei deve capire che
anche i cavalli hanno un’anima (se è vero che anche i sindaci ce l’
hanno, non si capisce perché noi cavalli dovremmo esserne privi). E l’
anima di un cavallo così come quella di un essere umano, come lei m’
insegna, anche dopo la morte continua a vivere (magari all’inferno, ma
sempre meglio che in una città amministrata da lei e dai suoi
assessori). E poi consideri che anche un cavallo morto avrà pure il
diritto di scrivere una lettera a un sindaco purtroppo nato e vivo,
considerato che una scrittrice con una intelligenza naturalmente
inferiore a quella di un equino come me ha già scritto con successo una
lunga lettera a un figlio mai nato (per sua fortuna, con una madre
simile!)... Ma vengo subito al dunque della mia non lunga lettera alla
sua Eccellenza o non saprei come altrimenti chiamarla in linguaggio
burocratese.
Questa lettera vuole spiegarle qualcosa della mia vita e
della mia morte, trattandosi di un caso molto istruttivo sulla città da
lei amministrata. Stia tranquillo che non ho nessuna intenzione di
inoltrare una dura protesta sul maltrattamento mio e dei miei simili,
come già fanno gli amici animalisti catanesi. Sono perfettamente
consapevole di essere stato un cavallo “inutile”, non adatto alle corse
clandestine di cavalli e nemmeno tanto buono da macellare e offrire in
pasto ai nostri cari concittadini nella nobile tradizione dell’ARRUSTI
E MANGIA, tanto cara a lei e ai suoi fedeli elettori. Sono stato
proprietà di un piccolo mafiosetto che aveva osato commettere una
piccola impudenza nei confronti di chi gestisce le gare clandestine...
a proposito di gare clandestine, mi consenta una domanda forse stupida,
più da somaro che da cavallo morto... Come fanno a rimanere clandestine
delle corse di cavalli (non di pulci o di scarafaggi, ma cavalli),
fatte nelle strade e non nei sotterranei di qualche città segreta?
Forse si tratta di cavalli invisibili, così come sono generalmente
invisibili i cani e i gatti regolarmente arrotati sulle strade
cittadine da gente “spacchiusa” come la maggioranza di quei catanesi a
lei tanto affezionati da rieleggerla per altri cinque anni alla guida
della città... La verità è che tutti vedono, ma nessuno sa. Io la
capisco, mi creda, lei in fondo rispetta e valorizza quelle che sono
sane tradizioni del popolo catanese, quello vero, quello dei quartieri-
ghetto, quei quartieri il cui controllo e la cui amministrazione è
“delegata” formalmente alle municipalità ma di fatto alle famiglie
mafiose... quelle stesse che gestiscono la vita e la morte di noi
cavalli nelle corse clandestine, nei macelli clandestini, nelle
macellerie equine non più clandestine e negli “arrusti e mangia” a
cielo aperto e in ogni angolo del centro storico... quelle stesse che
gestiscono la vita e la morte di quelle migliaia di persone costrette
ad arrangiarsi per sopravvivere e che sono pronti a vendere il loro
voto anche per cinquanta euro appena, anche per un solo panino
imbottito con la mia carne, quella carne a cui nessun catanese degno di
questo nome sarebbe disposto a rinunciare. Veda, signor sindaco, la mia
storia è lo specchio della sua Catania, la peggiore delle città
possibili, dove il rispetto per gli altri e la convivenza civile sono
solo parole prive di senso, una Catania elevata alla serie A del calcio
nazionale ma anche ai primi posti fra le città più invivibili e
corrotte d’Italia.
Il 10 sera, in questa città incattivita e
demotivata dalla politica corrente, sulla prima spiaggia cosiddetta
“libera” (assurda denominazione, per nascondere la semplice verità che
tutte le spiagge sono e non possono che essere libere e di tutti!), io
sono stato massacrato per ritorsione nei confronti del mio “padroncino”
da due suoi elettori, davanti agli occhi di altri suoi probabili
elettori di estrazione sociale piccolo-borghese che hanno continuato a
guardare romanticamente il cielo della notte di San Lorenzo, nella
speranza di qualche desiderio da fare avverare in una città che ha
smesso da tempo di sperare in qualcosa di meglio. Io ero solo un
cavallo: sarei folle ad aspettarmi un qualche senso di compassione da
gente che prova piacere a mangiare le mie carni. E sarei ancor più
folle a sperare che a lei e alla sua giunta, che sta lasciando morire
di fame e d’inedia centinaia di cani e gatti randagi, possa venire in
mente di difendere i diritti di noi animali, considerato che siete
troppo impegnati a trasformare in favori clientelari gli stessi diritti
fondamentali dei cittadini. E poi mi lasci dire, senza offesa, signor
sindaco: i due massacratori sulla spiaggia, mentre infierivano sul mio
povero corpo indifeso, esprimevano un grande orgoglio proprio della
“spacchiusaggine” catanese, lo stesso orgoglio con cui lei e la sua
giunta stanno massacrando un’intera città, snaturandone il vero volto e
la vera cultura popolare, quella ormai defunta e che non è affatto, mi
creda, la sottocultura consumistica dell’arrusti e mangia.
Scusandomi
per aver osato tanto, la saluto con il rispetto dovuto da un cavallo
morto a un sindaco vivente e con il dono berlusconiano dell’elisir di
lunga vita. Beato lei, signor sindaco! e beato io, che ho smesso di
vivere in una città orrenda come la sua Catania e sono diventato almeno
nella morte un animale libero e fuori pericolo.

Catania 13 agosto
2006

Mario Bonica

http://blog.libero.it/Bonica/