[Cantieresociale.roma] La Voce dei verdi periodo MARZO\1

Delete this message

Reply to this message
Author: cantieresociale.roma
Date:  
To: Undisclosed-Recipient:;
Subject: [Cantieresociale.roma] La Voce dei verdi periodo MARZO\1



LA VOCE DEI VERDI !!!!

a cura del Gruppo Verdi Provincia di Roma



P.zza SS. Apostoli, 49 - 00187 - Roma               ' 06.67664433 - 4437   6  06.69940654                 email  gruppoverdi@??? 




     QUESTO NUMERO VIENE                                   ANNO 2 NUMERO 5                   COLLABORA CON NOI INVIANDOCI I TUOI ARTICOLI    


                                                                                                                    SCRIVI A:   gruppoverdi@??? 







--------------------------------------------------------------------------------



RADIAZIONI IONIZZANTI SUI CIBI: NECESSARIA UNA SPERIMENTAZIONE SULLA LORO PERICOLOSITA'



I VERDI DELLA PROVINCIA DI ROMA PRESENTANO UNA MOZIONE



CAVINO: "SI DEVE AVVIARE UNA VALUTAZIONE SULL'IMPATTO SOCIALE, AMBIENTALE ED ECONOMICO DEGLI IMPIANTI DI IRRAGGIAMENTO".





L' irraggiamento da Cobalto 60 e da Cesio 137 è un trattamento che consiste nel bombardare i cibi con radiazioni ionizzanti provenienti da elementi radioattivi al fine di distruggere i batteri presenti: questo provoca una reazione che produce un' alterazione e/o perdita di nutrienti presenti negli alimenti.

"Questo processo - dichiara Gianluca Cavino, Capogruppo dei Verdi alla Provincia di Roma - può alterare il gusto, l'odore e anche l'aspetto dei cibi ed inoltre produce dei composti chimici alcuni dei quali sono sospettati di provocare seri problemi alla salute umana."

"In Italia - continua Cavino - gli impianti per questo trattamento non hanno mai avuto l'autorizzazione definitiva ad entrare in funzione; tuttavia la liberalizzazione del mercato favorisce l'ingresso di prodotti provenienti da altri paesi, europei e non, nei quali il trattamento con radiazioni ionizzanti è maggiormente praticato, di conseguenza il pericolo che il mercato italiano accolga sempre maggiori quantità di alimenti irradiati è alto."

"L'irraggiamento - sostiene Cavino - pone poi notevoli problemi ambientali: il Cobalto 60 e il Cesio 137, elementi radioattivi, sono una minaccia per i lavoratori e per i residenti delle zone in cui sorgono gli impianti in caso di fughe accidentali ed eventuali incidenti durante il trasporto di tali elementi provocherebbero conseguenze all'ecosistema e alla salute pubblica."

"Per questo - conclude Cavino - ho presentato una mozione in Consiglio Provinciale per chiedere che ci si attivi presso il Governo Italiano per rendere obbligatorie le indicazioni in etichetta dei prodotti trattati con radiazioni ionizzanti e la dicitura "non raccomandato per l'alimentazione dei bambini"; chiediamo inoltre che si avvii una revisione della documentazione scientifica e una sperimentazione a lungo termine sulla pericolosità delle radiazioni ionizzanti per ogni prodotto."






--------------------------------------------------------------------------------



PIANO REGOLATORE: IN PIAZZA CON LE ASSOCIAZIONI



RITENIAMO MOLTO DISCUTIBILE IL MO0DO IN CUI IL COMUNE DI ROMA SI STA AVVIANDO ALL'APPROVAZIONE DEL NUOVO PIANO REGOLATORE



Abbiamo sempre condiviso la necessità di dotare la Capitale di un nuovo piano regolatore - hanno dichiarato Gianluca Cavino, capogruppo dei Verdi al Consiglio Provinciale e Riccardo Mastrorillo Presidente del Consiglio Federale dei Verdi di Roma - ma non possiamo accettare le modalità poco partecipate con cui ci si sta avviando alla conclusione.

Nonostante l'approvazione della delibera comunale sulla partecipazione cittadina alla trasformazione urbana che abbiamo accolto con grande favore, seppur giunta in ritardo, le controdeduzioni al nuovo piano regolatore del Comune di Roma hanno visto un vorticoso aumento di cubature, non tenendo in considerazione i suggerimenti delle associazioni ambientaliste, dei comitati di quartiere e dei tanti cittadini.



Il meccanismo delle controdeduzioni, il completo accentramento delle decisioni, l'esuberante numero di metricubi di cemento sottratti al verde e alle zone agricole del più grande comune agricolo d'Europa - hanno proseguito i due esponenti del Sole che ride - ci lasciano perplessi nel merito e nel metodo. Per questo motivo saremo presenti lunedì alle 15,30 al presidio delle associazioni Ambientaliste, previsto per lunedì in Campidoglio.



Tra le centralità definite in questo piano regolatore - ha dichiarato il Consigliere Provinciale Gianluca Cavino - vi sono alcune situazioni che si prospettano come vere e proprie emergenze ambientali, per il numero complessivo di metri cubi e sociali, per l'assenza completa di qualsiasi tipo di partecipazione. Un esempio tra tutti è la centralità di Acilia-Madonnetta,la quale nel piano regolatore prevedeva una cubatura pari a 700.000 metri cubi con un equilibrio di edificazione pari a 60% pubblico e 40% privato. Le controdeduzioni oltre ad aver invertito le percentuali hanno raddoppiato il cemento previsto, fino ad arrivare a 1.425.000 metri cubi. Un vero collasso sulla viabilità, sulla mancanza dei servizi primari, dalle scuole, alla luce, all'impianto idrico.



Noi vogliamo migliorare la qualità della vita dei residenti, per questo saremo presenti alla manifestazione e soprattutto chiediamo al Comune di Roma di ritornare alle cubature previste dal piano regolatore generale approvato da tutti, evitando speculazioni edilizie e dotando i quartieri di Roma di infrastrutture utili alla cittadinanza.





--------------------------------------------------------------------------------



TANGENZIALE DI OSTIA ANTICA DENTRO LA RISERVA: IL GIORNO DELLA VERITA'.



A SEGUITO DELLA NOTA DEL X DIPARTIMENTO IL XIII MUNICIPIO HA ANNULLATO LA GARA D'APPALTO.



CAVINO: "NON SI ASFALTERANNO LE STRADE ALL'INTERNO DELLA RISERVA MA DOBBIAMO CONTINUARE A VIGILARE".



L'odissea è finita, dopo l'asfaltatura con presunto materiale ecologico di Via del Collettore Primario per ml. 815, il XIII Municipio aveva indetto una gara d'appalto per asfaltare anche Via del Collettore secondario, Via Capo Due Rami e Via Gherardo, strade agricole all'interno della Riserva Statale del litorale Romano.

"L'intenzione del XIII Municipio - dichiara Gianluca Cavino, Capogruppo dei Verdi alla Provincia di Roma e Portavoce dei Verdi del XIII Municipio - era quello di creare una vera e propria tangenziale all'interno della Riserva, in strade agricole frequentate da trattore e mezzi agricoli, i quali, avrebbero in pochissimo tempo rovinato il manto stradale. Avevamo intuito che l'asfaltatura di Via del Collettore Primario fosse solamente il primo passo per creare la tangenziale in questione con una spesa totale di circa 250.000 euro. Ancora non abbiamo compreso chi fosse d'accordo oltre i politici di centro destra del XIII Municipio a questa delirante iniziativa".

"Dopo le numerose lettere dei Verdi, delle Associazioni ambientaliste e dei Comitati di quartiere - continua Cavino - il X Dipartimento del Comune di Roma ha inviato una nota al XIII Municipio il 20 Febbraio dichiarando ciò che i Verdi avevano detto da sempre, ossia che l'area soggetta ad asfaltatura ricade all'interno della Riserva Statale del Litorale Romano in area di tipo 1 e quindi qualsiasi intervento necessita del parere vincolante della Commissione di Riserva".

"A seguito della nota - aggiunge Cavino - seguito della nota -7 MarzoI Municipio ha annullato la gara d' 1 e quindi qualsiasi intervento necessita del parere vincolant il XIII Municipio ha annullato la gara d'appalto fissata per il 7 Marzo e quindi niente tangenziale all'interno della Riserva. L'arroganza e la mancanza del rispetto delle regole da parte del XIII Municipio è stata scoperta e sconfitta e questo grazie ai Verdi, alle associazioni ambientaliste, ai cittadini ed ai comitati di quartiere".

"Siamo particolarmente soddisfatti - dichiara inoltre Eliseo Franzese, Capogruppo dei Verdi del XIII Municipio - perché siamo riusciti ancora una volta a sventare il pericolo di spendere soldi pubblici inutilmente ed in modo arbitrario".

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Ilaria Ferri Direttrice degli Animalisti Italiani e Alessandro Polinori, Responsabile del CHM Lipu di Ostia i quali hanno dichiarato: "Ancora una volta hanno vinto i cittadini e la democrazia, bisogna continuare a vigilare affinché non ci sia un altro tentativo i creare opere inutili all'interno della Riserva che va tutelata e valorizzata permettendo la libera fruizione ai cittadini ma non sventrandola con tangenziali inutili".








--------------------------------------------------------------------------------



GRANDE PARTECIPAZIONE ALLA MANIFESTAZIONE CONTRO IL RANDAGISMO E L'INADEMPIENZA DEL COMUNE DI FIUMICINO ORGANIZZATA DAL GRUPO VERDI ALLA PROVINCIA DI ROMA, ANIMALISTI ITALIANI, ASSOCIAZIONE IL FARO, LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE ED I VERDI DI FIUMICINO.



CAVINO: "LA REGIONE ASSEGNA 400.000 EURO AL COMUNE PER COSTRUIRE UN RIFUGIO PER GLI ANIMALI ED IL SINDACO LI FA RITORNARE NELLE CASSE REGIONALI".



FERRI: "VOGLIAMO UN PARCO CANILE. I FONDI CI SONO".



Questa mattina si è svolta davanti il palazzo comunale di Fiumicino una manifestazione pacifica e non violenta per sollecitare l'amministrazione all'assunzione delle responsabilità che istituzionalmente essa deve avere, come prevede la legge 34/97.

"Il totale disinteresse del Comune di Fiumicino - dichiara Ilaria Ferri, Direttore dell'Associazione Animalisti Italiani - è palesemente dimostrato dal fatto che nessuna struttura di accoglienza per i randagi è stata realizzata, nonostante i fondi disponibili destinati dalla Regione a questo scopo. E' vergognoso che tale fenomeno, favorito anche dalle condizioni geografiche del Comune, sia interamente affidato all'impegno svolto sul campo dall'Associazione "Il Faro", dagli Animalisti Italiani e dai cittadini zoofili".

Sul territorio infatti opera l'Associazione "Il Faro" che dal 2001 ad oggi ha dato in adozione 550 cani e 469 gatti, ha favorito la sterilizzazione ed il riconoscimento delle colonie feline e dei cani di quartiere.

"La nostra associazione - dichiara Silvana Luongo, Presidente de "Il Faro" - dal 2001 ha in uso un terreno di proprietà privata dal quale rischiamo di dover andar via da un momento all'altro, e nonostante i nostri sforzi e l'impegno economico assunto, la struttura non è sufficientemente adeguata per il soccorso deicani e gatti randagi del Comune. Abbiamo salvato dalla morte certa centinaia di animali, soprattutto cuccioli di cane e gatto ancora in età di allattamento che senza il nostro aiuto sarebbero finiti in modo atroce. Gli animali dati in adozione sono stati affidati previo colloquio e compilazione di una scheda di adozione. Ciò che sappiamo è che le nostre case sono piene di cuccioli, la nostra fatica ci sembra ormai insostenibile e le istituzioni continuano ad essere latitanti, è ora di cambiare".

Al Problema del randagismo nel Comune di Fiumicino si è interessato con attenzione il Capogruppo dei Verdi alla Provincia di Roma, Gianluca Cavino che così si esprime: "L'amministrazione Comunale di Fiumicino? Latitante, assente e per giunta arrogante! Ho inviato una lettera al Sindaco di Fiumicino Canapini, sul tema del randagismo a Febbraio, non ho ancora ricevuto risposta. La solita storia dei fondi inesistenti per le persone figuriamoci per gli animali, si è rilevata una banale scusa inaccettabile. La Regione Lazio, ad una mia richiesta ha risposto nel merito che il Comune di Fiumicino per il 2001 ha avuto l'assegnazione di euro 360.249.600 e nel 2002 di euro 140.393, soldi che rischiano di ritornare nelle casse regionali perché il Comune in tutti questi anni non ha mai prodotto un progetto per la creazione di un rifugio per animali. Forse aspettano una nostra denuncia per omissione di atti d'ufficio che siamo seriamente ntenzionati a presentare se il Comune non darà spiegazioni alla totale assenza di interventi ed alla mancanza di una soluzione operativa che può essere affrontata solo con la realizzazione di un "Parco Canile" come la collega Cristina Morelli, Consigliere Regionale dei Verdi in Liguria è stata capace di promuovere e realizzare a Genova. Basta con le parole, ora chiediamo i fatti".




--------------------------------------------------------------------------------



CAVE



I CITTADINI CHIEDONO LA MESSA IN SICUREZZA DI VIA DELLA SELCE



I VERDI DELLA PROVINCIA DI ROMA SOSTENGONO LA RACCOLTA DI FIRME DEI CITTADINI DI CAVE



CAVINO: " INOLTRATA LA PETIZIONE ALL'ASSESSORE ALLA VIABILITA' DELLA PROVINCIA DI ROMA"





Dopo i numerosi incidenti sulla Strada Provinciale di Via della Selce a Cave, i residenti stilano una petizione sottoscritta da numerosi firmatari chiedendo l'intervento della Provincia affinché sia realizzata al più presto la messa in sicurezza della strada e proponendo come soluzione la messa in opera di dossi artificiali al fine di limitare la velocità almeno nel tratto urbano.

"Ho inoltrato la petizione all'Assessore alla Viabilità provinciale - dichiara Gianluca Cavino Capogruppo dei Verdi alla Provincia di Roma - per chiedere che si prendano al più presto delle misure che tutelino i cittadini della Frazione di S. Bartolomeo".

"Da quanto mi hanno riferito i residenti - continua Cavino - nel tratto di strada in questione sfrecciano gli automobilisti a forte velocità, se poi si pensa che vi è anche una piccola piazza, punto d'incontro per i giovani della frazione, la situazione è ancora più pericolosa. Sono certo che la Provincia di Roma prenderà in esame le proposte dei cittadini".






--------------------------------------------------------------------------------





DOPO LA DENUNCIA DEGLI ANIMALISTI ITALIANI SUI DUE ASINELLI SEQUESTRATI AL CIRCO FANTASY E SBRANATI DAI CANI RANDAGI


CAVINO: "INVIATO ESPOSTO ALLA POLIZIA PROVICIALE E AL CITES"



AFFIDATI DUE COCCODRILLI AL CANILE DELLA MURATELLA





Gli Animalisti Italiani hanno denunciato la grave situazione in cui sono tenuti gli animali sequestrati al Circo Fantasy; i due asinelli sequestrati ed affidati in custodia ad un privato in zona Magliana sono stati sbranati dai cani randagi.Inoltre gli Animalisti hanno denunciato la grave situazione in cui sono costretti gli altri animali sequestrati al circo che sarebbero ancora nei loro container, fino ad arrivare alla situazioni limite dove sembra che due coccodrilli sequestrati siano stati portati al canile della Muratela e che siano dentro ai loro container.

"Dopo il sequestro degli animali del Circo Fantasy chi doveva tutelarli in realtà si è rilevato ancor più negligente - dichiara Gianluca Cavino Capogruppo dei Verdi alla Provincia di Roma - trovo quantomeno preoccupante che si affidino degli animali come i coccodrilli ed altri animali sequestrati ad un Circo, ad un canile municipale, cosa ci fanno i coccodrilli in un canile?".

"Per questo ho inviato una nota urgente al Comandante delle Guardie Provinciali ed al Responsabile del servizio Cites, chiedendo un intervento urgente affichè si faccia luce su questa grave situazione denunciata dagli Animalisti Italiani".

"Inoltre a quanto ci risulta è un fatto di estrema gravità e noncuranza per gli animali stessi che si continui a tenerli chiusi negli stessi container dai quali erano stati sequestrati - continua Cavino - questo indica che per loro i maltrattamenti, almeno rispetto alle strutture di detenzione, non sono mai cessati".

"Restiamo in attesa della verifica che sarà effettuata dal Corpo della Polizia Provinciale e dal Cites - conclude Cavino - e speriamo che in futuro, chi di dovere, si accerti in prima persona dell'adeguatezza delle condizioni degli animali che vengono posti sotto sequestro. Attendiamo le verifiche da parte della Polizia Provinciale e del Cites".






--------------------------------------------------------------------------------



DI NUOVO FERMI GLI ASCENSORI DI VIA ZOTTI AD OSTIA



CAVINO: "GLI ASCENSORI SONO FERMI PER LA MANCANZA DELLA MESSA IN SICUREZZA.

NON SI POSSONO SEGREGARE IN CASA INVALIDI E ANZIANI".



Nuovamente fermo l'ascensore dello stabile di via Zotti, palazzine dell'INPS, questa volta sembra che le motivazioni siano da ricercarsi nel fatto che non sia ancora stato messo a norma l'impianto.

"Ritengo assurdo e vergognoso che dopo più di tre mesi dalla riattivazione del servizio, qualcuno si sia svegliato un giorno e si sia accorto che non era stata realizzata la messa in sicurezza - dichiara Gianluca Cavino Capogruppo dei Verdi alla Provincia di Roma".

"Ho inviato una nota urgente alla ditta Romeo S.p.a. a cui è affidata la gestione delle palazzine, al III° Dipartimento del Comune di Roma, al XIII Municipio, chiedendo l'urgente messa in sicurezza degli ascensori".

"Ci eravamo già occupati in passato delle problematiche di gestione di questi stabili affidati alla Romeo - continua Cavino - ma pensavamo che con l'ultimo intervento della ditta la situazione si fosse normalizzata ed i residenti della palazzina ora potevano stare tranquilli; infatti dopo il nostro esposto ci era giunta una nota dal XIII Municipio la quale ci comunicava che non comprendeva il nostro esposto perché gli ascensori erano perfettamente funzionanti.Si è svelatoli vero problema: gli ascensori funzionano ma sono fermi per problemi burocratici".

"L'intervento si rende estremamente urgente soprattutto perché nella palazzina in questione risiedono numerosi anziani ed invalidi con gravi problemi di salute che si trovano impossibilitati a sostenere lunghe rampe di scale".






--------------------------------------------------------------------------------



RIAPRE LO SPORTELLO AMBIENTALE E SOCIALE DEI VERDI DEL XIII

MUNICIPIO



CAVINO: "UN SERVIZIO A DISPOSIZIONE DEI CITTADINI"







Riapre lo sportello ambientale e sociale dei Verdi del XIII Municipio presso la sede del Circolo Territoriale ad Ostia.

" Lo sportello è stato istituito - dichiara Gianluca Cavino, Capogruppo dei Verdi alla Provincia di Roma e Portavoce dei Verdi del XIII Municipio - presso il Circolo dei Verdi del XIII Municipio "Rachel Corrie" per accogliere idee, proposte, denunce e suggerimenti riguardo le emergenze ambientali e sociali del nostro territorio e per rafforzare il dialogo tra le istituzioni e i cittadini. "

" L'attività che ci prefiggiamo - aggiunge Cavino - è un'attività di stretta collaborazione con la cittadinanza, sicuramente attenta insieme a noi ai problemi del XIII Municipio: metteremo a disposizione le nostre competenze e ci auguriamo che i nostri sforzi servano per migliorare la qualità della vita del nostro territorio."

"Lo sportello ambientale e sociale - conclude Cavino - è sito presso la sede dei Verdi di Via delle Azzorre 402/A e sarà aperto tutti i Lunedì, Mercoledì e Venerdì dalle ore 18.00 alle ore 20.00. Potrete anche contattarci al numero 06 67664448."





--------------------------------------------------------------------------------



                                                           L' ASSOCIAZIONE DEI VERDI DI CASTEL MADAMA




INFORMA SUI RISULTATI DELLE PRIMARIE 2006 DI CASTEL MADAMA PER SCEGLIERE IL CANDIDATO A SINDACO DELL'UNIONE



Votanti 1135 (su 5500 circa, pari al 20% dell'elettorato castellano e al 50% dell'elettorato del centrosinistra);

nulle 7

bianche 1

totale voti validi ai candidati 1127

Ivano Ruggeri 158 voti (14,0%)

Michelluigi Rocchi 335 voti (29,7%)

Vincenzo Ascani 75 voti (6,7%)

PINO SALINETTI 559 voti (49,6%)



I cittadini, che hanno partecipato in modo straordinario alle primarie, hanno nettamente indicato in Pino Salinetti (proposto dai Verdi) il candidato a Sindaco dell'Unione.



Il Capogruppo dei Verdi alla Provincia di Roma Gianluca Cavino, esprime soddisfazione per l'incredibile risultato raggiunto dai Verdi di Castel Madama e si mette a disposizione per qualsiasi attività ed iniziativa si voglia intraprendere.



Riferimenti

Giuseppe Mancini, 0774 448733 - 339 4951376

Giuseppe Salinetti, 0774 449742 - 349 2403274

Angelo Moreschini, 0774 449124 - 333 2612442



--------------------------------------------------------------------------------








--------------------------------------------------------------------------------




SCRIVI AL TUO CONSIGLIERE

PER UN CONTATTO DIRETTO


g.cavino@???









--------------------------------------------------------------------------------







            Segnalaci l'indirizzo di amiche e amici a cui vuoi far arrivare la Voce dei Verdi !!! a:


gruppoverdi@???



Se non desideri ricevere in futuro questo tipo di informazione,

rispondi semplicemente a questa e-mail indicando nell'OGGETTO la parola

CANCELLA, utilizzando l'indirizzo di posta elettronica al quale hai ricevuto

questo messaggio.