[Forumcesena] In contatto con Baghdad (51)

Delete this message

Reply to this message
Author: Famiglia Zani
Date:  
Subject: [Forumcesena] In contatto con Baghdad (51)
This is a multi-part message in MIME format.

------=_NextPart_000_000D_01C2FC97.6DC16F90
Content-Type: text/plain;
    charset="iso-8859-1"
Content-Transfer-Encoding: quoted-printable


      In contatto con Baghdad (51)=20
      by robdinz Sunday April 06, 2003 at 11:08 PM=20
      robdinz@??? =20



    Questa e la guerra?=20


La jeep Hammer sporca di polvere e fango con le insegne "UsArmy"=20
avanza lentamente proprio dietro l'Universit=E0. Dietro di lei un =
convoglio di almeno 15 altri mezzi militari "leggeri".=20
Su ciascuna =E8 montata una mitragliatrice pesante, quelle con il nastro =
dei proiettili grandi come un dito che esce dai due lati del caricatore. =
Tre uomini, tre soldati americani con elmetto con un copri-elmo =
mimetico, una giubba di cotone pesante beige dalla quale escono piccoli =
fili e cavi arrotolati che rimandano agli auricolari ed ai sistemi di =
comunicazione. Il soldato che ha per le mani l'impugnatura della =
mitragliatrice sembra immobile, concentrato sul mirino elettronico =
dell'arma.=20

La colonna avanza in un silenzio irreale di tanto in tanto interrotto =
dai tonfi cupi e secchi che provengono dalle granate lanciate poche =
strade pi=F9 in l=E0 dai carri armati dell'esercito invasore.=20
Improvvisamente e senza nessun motivo la mitragliatrice gira la canna =
verso un'abitazione chiusa al primo piano di un piccolo edificio bianco =
e parte una raffica di colpi. Decine, centinaia di proiettili che vanno =
a sfondare le deboli protezioni in legno e lamiera di ferro delle =
finestre, facendo rimbalzare dappertutto schegge di intonaco e di legno. =
Frantumando i vasi di terracotta pieni di fiori che ancora ornavano in =
modo ordinato il piccolo balcone. La ringhiera di ferro che proteggeva =
la porta della casa piomba a terra e viene calpestata dalle ruote dei =
grandi fuoristrada che continuano la loro avanzata.=20
Sdraiato a terra dietro le finestre chiuse ed oscurate con carta di =
giornale, a soli cinquanta metri dalla pattuglia degli occupanti un =
reporter indipendente =E8 testimone diretto dell'azione che mi descrive =
con grande emozione.=20

Attualmente si trova in un frequentato albergo della capitale, =
decisamente pi=F9 al sicuro, ma quello di cui =E8 stato testimone oggi =
difficilmente lo potr=E0 dimenticare.=20

Fin dal mattino i colpi, le bombe, i missili hanno colpito le aree sud, =
nord ed ovest di Baghdad. Dalle 11.00 tutti sono stati informati =
attrraverso i megafoni dei soldati e della polizia del coprifuoco che =
sarebbe scattato alle 18.00 e proseguir=E0 almeno fino all'alba.=20
Il problema quindi per il mio contatto =E8 spostarsi rapidamente, con =
prudenza, fino ad arrivare proprio nella zona dell'Universit=E0, la =
pi=F9 martoriata della capitale dove =E8 l'appuntamento con altri due =
colleghi.=20
Il centro della citt=E0 =E8 completamente in mano dell'esercito iracheno =
e dei numerosi "feddayn" in borghese ed armati che camminano =
nervosamente su e gi=F9 per le strade. Il traffico =E8 pari a zero, la =
circolazione delle auto ridotta al minimo. Solo un pizzico di fortuna fa =
incrociare le strade del reporter con un vecchio autobus diretto verso =
sud. Lo prende al volo, molto attento alla strada percorsa dal bus per =
evitare di trovarsi in zone sconosciute della citt=E0.=20
All'altezza del Ministero dell'Informazione, si rende conto che =
praticamente tutta l'area residenziale attorno alla piazza =E8 stata =
bombardata, e sono ancora visibili a terra alcune vittime coperte di =
pietre. Come fosse una pietosa sepoltura.=20
Pochi metri ancora poi decide di scendere dal bus. Meglio cercare di =
proseguire a piedi.=20
Poco oltre il centro televisivo della IraqiTv, un capannello di persone =
smbra discutere animatamente. Un giovane alto e magro con una "kefiah" =
bianca e rossa arrotolata intorno al collo si esprime in inglese e mette =
in guardia il reporter dal proseguire oltre quella piccola aiuola che =
delimita un incrocio. Non meno di dieci o dodici automobili sono =
completamente carbonizzate. Alzando lo sguardo, l'intera facciata di un =
palazzo di 6 piani =E8 sventrata in ogni sua parte. Finestre divelte, =
mobili ed infissi sparsi ovunque. Il ragazzo iracheno con espressioni =
sincopate riesce a descrivere ci=F2 che =E8 accaduto neanche un'ora =
prima.=20

Siamo nell'area immediatamente adiacente alla periferia sud di Baghdad. =
Oltre questi palazzi nessuno si avventura.=20

Una colonna di blindati e jeep americane sono arrivate fino alla piazza, =
travolgendo le aiuole che la delimitavano e sparando sulle vecchie auto =
parcheggiate. Dopo un mezzo giro della rotonda si sono come schierate di =
fronte a quell'unico palazzo ed hanno aperto il fuoco. Con durezza, =
mirando a tutto ed a niente, sventrando muri e penetrando negli =
appartamenti. Dopo pochi minuti almeno un gruppo di inquilini si sono =
precipitati fuori gridando e piangendo. I soldati sembrava come li =
aspettassero: inseguiti, strattonati e gettati a terra. Con dei lacci di =
plastica bianca venivano serrati i polsi dietro la schiena. Quindi presi =
per i capelli le teste ficcate di forza in cappucci neri. Poi i calci, =
gli sputi, i manici dei fucili usati come clave. Trascinati a terra per =
decine di metri e butatti dentro degli autoblindo.=20

Questo trattamento =E8 stato riservato ad almeno cinquanta civili =
disarmati, in gran parte donne, vecchi e bambini che abitavano nel =
palazzo senza pi=F9 luce, acqua, medicine. Prigionieri della loro stessa =
casa da pi=F9 di sei giorni.=20
Sei giorni di paura e di angoscia. Terminati questa mattina con un =
autentico sequestro di persona multiplo a danni, mi ripete il mio =
contatto, di civili disarmati.=20
Finita l'"operazione militare", la colonna di mezzi americani ha =
completato il giro della piazza ed =E8 scomparsa nelle strade polverose =
che portano verso l'aeroporto.=20

Il ragazzo iracheno capisce il disagio del reporter europeo. Uno =
straniero ma non un nemico, e lo invita ad andare poco pi=F9 in l=E0, =
fino ad un garage, quasi nascosto dalle rovine di un bombardamento dei =
giorni scorsi.=20
Questa =E8 la guerra? Chiede senza ottenere risposta, Questi sono gli =
americani che ci devono liberare? Gli uomini che dovremmo rispettare =
perch=E9 sono venuti a tutelare i nostri diritti umani?=20
Tu cosa faresti se fossero i membri della tua famiglia quelli presi a =
calci, incappucciati e portati via da soldati stranieri?=20

Il reporter non sa cosa rispondere, pensa all'appuntamento che deve =
rispettare, al coprifuoco che si avvicina, a cosa trover=E0 andando =
oltre quei palazzi.=20

Ma il ragazzo iracheno lo incalza: dimmi tu che sei europeo cosa pensano =
i cittadini dell'Unione Europea di questa guerra?=20

Vieni a vedere la mia casa, =E8 proprio qui sopra. I due salgono in =
fretta le scale ed arrivano di fronte ad una porta di legno dove Feisal, =
cos=EC si chiama il rgazzo, con due colpi dei piedi si fa aprire. Il =
reporter entra e trova almeno dieci persone, la famiglia di Feisal, a =
terra, chi sdraiato chi seduto. Gli fanno cenno di non parlare, di =
sedersi, di non far rumore. Il terrore =E8 stampato su quelle facce con =
la barba lunga, su quei visi femminili circondati da un velo.=20

Poi di colpo, di nuovo, il rumore dei mezzi militari.=20
Feisal sbircia dietro i giornali che coprono i vetri delle finestre. Gli =
americani, gli americani quasi grida, e tutti si abbassano a terra. =
Feisal porta il reporter nella sola altra stanza della casa e lo invitaa =
guardare fuori.=20
La colonna di 15 jeep Hammer. Con le scritte "UsArmy". Quelli che hanno =
fatto fuoco contro quel balconcino del primo piano dove ancora c'erano i =
vasi di terracotta peini di fiori.=20

Questa =E8 la guerra? Chiede ancora Feisal.=20
Gi=E0, questa =E8 la guerra?=20

Dopo circa mezzora Feisal, venuto a sapere il luogo dell'appuntamento =
del reporter con i suoi colleghi si offre di accompagnarlo lui. In auto. =
Ma non fino all'hotel, sarebbe troppo pericoloso per Feisal tornare =
indietro.=20
Scendono di nuovo in strada e dopo aver parlato fitto fitto in arabo con =
altri due ragazzi, Feisal viene raggiunto da una vecchia Renault con =
altri ragazzi a bordo. Il reporter entra, zaino sulle ginocchia. Gli =
occupanti per fargli posto sono costretti a spostare due mitra e due =
fucili e si tirano la "kefiah" sul viso.=20

Dieci minuti di corsa per strade impensabili, fossi e prati, entrare ed =
uscire da magazzini abbandonati, poi l'auto si ferma. Il reporter =
scende, fa un cenno di saluto a Feisal ed agli altri.=20

Vedi, gli dice Feisal, noi siamo "Feddayn", pu=F2 darsi che tra un'ora, =
domani o tra qualche giorno saremo morti combattendo. Cosa diranno i =
giornali del tuo paese? Che siamo dei "kamikaze", che abbiamo ucciso a =
sangue freddo dei ragazzi del Colorado o della California che erano =
venuti a portarci la libert=E0, a difendere i nostri diritti?=20

Tra quei civili incappucciati e brutalizzati che non sappiamo neppure =
dove siano finiti, e perch=E9 gli =E8 stata distrutta la casa e loro =
fatti progionieri c'erano i genitori si Saul. Ed indica il ragazzo con i =
capelli neri lunghi alla guida dell'auto.=20

Questa =E8 la guerra? Chiede un'ultima volta Feisal prima di rimontare =
in macchina ed allontanarsi in una nuvola di pietre che schizzano =
lanciate dalle ruote della macchina.=20

Che la notte sia leggera.=20
r.=20

Ecco le corrispondenze che mi arrivano da Amman, di Rosarita Catani, che =
ha seguito i notiziari delle 19.00 e delle 23.30 (ora giordana) del =
canale satellitare "Al Jazeera" e della televisione giordana.=20


di Rosarita Catani=20
da Shafa Badran=20
(Amman)=20
Giordania=20

6.4.2003 - h. 19.00.=20
Il cielo di Bagdad =E8 nero. Non c'=E8 un cielo a Bagdad. E' pieno =
giorno ma sembra notte inoltrata.=20
Fa caldo! L'aria =E8 ancora pi=F9 irrespirabile per il fumo e per il =
caldo.=20
Sento i rombi degli aerei. I missili cadono come pioggia.=20
Eccolo! Lo vedo. Ecco un altro colpire una casa. Si vedono i pezzi =
saltare in area.=20
Il giornalista di Al Jazeera commenta le immagini.=20
Mentre commenta si guarda intorno. Sussulta ad ogni scoppio.=20
Guardo le immagini ed avverto la paura. Una paura che si trasmette oltre =
il video.=20
Me la sento addosso.=20
Il giornalista volta la testa appena sente il rombo di un aereo. Lo fa =
vedere. Il suo sguardo =E8 cupo.=20
Sento lo scoppio delle bombe. Sembra d'averle qui in casa. Ho paura =
anche io adesso.=20
La citt=E0 =E8 deserta.=20
Si vede solo questa cortina di fumo nero ed il fuoco.=20
Oggi i bombardamenti sono ancora pi=F9 forti, pi=F9 accaniti. Bombardano =
ovunque oramai. Non mirano pi=F9 ad obiettivi precisi.=20
Le immagini si spostano su Bassora.=20
Ci sono stati violenti combattimenti fra le milizie irachene ed i =
soldati britannici.=20
Una carovana di carri armati britannici si dirige verso Bassora. Sono =
arrivati alle porte della citt=E0.=20
Sparano colpi di cannone. Colpite abitazioni civili.=20
Entrano nella citt=E0 con i loro dhabbah (carri armati).=20
La citt=E0 =E8 gi=E0 martoriata.=20
La televisione araba comunica che molto probabilmente i feddayn =
scenderanno in azione questa notte per colpire i soldati britannici.=20


6.4.03=20
Notiziario delle 23.20 ora locale.=20

Continuano i bombardamenti. Non si ha respiro.=20
Gli ospedali sono pieni. Non c'=E8 pi=F9 posto.=20
Non si conosce n=E9 l'entit=E0 dei danni ancora n=E9 l'entit=E0 delle =
vittime.=20
Guardo il sangue scorrere negli ospedali. Sento l'odore della morte. Si =
sente l'odore della morte.=20
Bambini. I bambini che pena.=20
Portano un bambino ferito, che piccolo, avr=E0 si o no due anni. E' =
colpito alla testa.=20
Non c'=E8 posto. Li mettono per terra i feriti.=20
Vedo i medici correre da una parte all'altra.=20
Una signora piange: "Bush non vuole la pace. Noi chiediamo la pace, lui =
non sa neanche cosa significa la Pace. Uno dei miei figli non so neanche =
dove sia e l'altro =E8 in ospedale con una gamba rotta". Urla! E' l'urlo =
disperato di una madre.=20
Si asciuga le lacrime con il suo ishar e va via.=20
Un'altra madre grida tutto il suo dolore e dice: Lasciate crescere i =
nostri figli. Lasciateli vivere e diventare grandi.=20
Questa notte non c'=E8 tregua. Le bombe continuano a cadere.=20
Non so se riuscir=F2 a dormire questa notte.=20
Davanti a miei occhi vi =E8 solo distruzione e morte.=20





Se desiderate non ricevere pi=F9 queste e-mail, comunicatemelo. Grazie,
Manuel

------=_NextPart_000_000D_01C2FC97.6DC16F90
Content-Type: text/html;
    charset="iso-8859-1"
Content-Transfer-Encoding: quoted-printable


<!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.0 Transitional//EN">
<HTML><HEAD>
<META http-equiv=3DContent-Type content=3D"text/html; =
charset=3Diso-8859-1">
<META content=3D"MSHTML 6.00.2600.0" name=3DGENERATOR>
<STYLE></STYLE>
</HEAD>
<BODY bgColor=3D#ffffff>
<DIV><FONT face=3DArial size=3D2>
<TABLE cellSpacing=3D0 width=3D"100%" border=3D0 hspace=3D"0" =
vspace=3D"0">
  <TBODY>
  <TR bgColor=3D#ff9900>
    <TD><FONT color=3D#000000><B><A class=3Dblack name=3D""></A>In =
contatto con=20
      Baghdad (51) </B></FONT><BR>by robdinz <I>Sunday April 06, 2003 at =
11:08=20
      PM</I></TD></TR>
  <TR vAlign=3Dtop bgColor=3D#999999>
    <TD width=3D"100%"><A=20
      href=3D"mailto:robdinz@hotmail.com">robdinz@???</A>=20
</TD></TR></TBODY></TABLE>
<P>
<BLOCKQUOTE>
  <BLOCKQUOTE>Questa e la guerra? </BLOCKQUOTE></BLOCKQUOTE>
<P class=3Dmedia></P>
<P class=3Darticle>La jeep Hammer sporca di polvere e fango con le =
insegne=20
=93UsArmy=94 <BR>avanza lentamente proprio dietro l=92Universit=E0. =
Dietro di lei un=20
convoglio di almeno 15 altri mezzi militari =93leggeri=94. <BR>Su =
ciascuna =E8 montata=20
una mitragliatrice pesante, quelle con il nastro dei proiettili grandi =
come un=20
dito che esce dai due lati del caricatore. Tre uomini, tre soldati =
americani con=20
elmetto con un copri-elmo mimetico, una giubba di cotone pesante beige =
dalla=20
quale escono piccoli fili e cavi arrotolati che rimandano agli =
auricolari ed ai=20
sistemi di comunicazione. Il soldato che ha per le mani l=92impugnatura =
della=20
mitragliatrice sembra immobile, concentrato sul mirino elettronico =
dell=92arma.=20
</P>
<P class=3Darticle>La colonna avanza in un silenzio irreale di tanto in =
tanto=20
interrotto dai tonfi cupi e secchi che provengono dalle granate lanciate =
poche=20
strade pi=F9 in l=E0 dai carri armati dell=92esercito invasore. =
<BR>Improvvisamente e=20
senza nessun motivo la mitragliatrice gira la canna verso =
un=92abitazione chiusa=20
al primo piano di un piccolo edificio bianco e parte una raffica di =
colpi.=20
Decine, centinaia di proiettili che vanno a sfondare le deboli =
protezioni in=20
legno e lamiera di ferro delle finestre, facendo rimbalzare dappertutto =
schegge=20
di intonaco e di legno. Frantumando i vasi di terracotta pieni di fiori =
che=20
ancora ornavano in modo ordinato il piccolo balcone. La ringhiera di =
ferro che=20
proteggeva la porta della casa piomba a terra e viene calpestata dalle =
ruote dei=20
grandi fuoristrada che continuano la loro avanzata. <BR>Sdraiato a terra =
dietro=20
le finestre chiuse ed oscurate con carta di giornale, a soli cinquanta =
metri=20
dalla pattuglia degli occupanti un reporter indipendente =E8 testimone =
diretto=20
dell=92azione che mi descrive con grande emozione. </P>
<P class=3Darticle>Attualmente si trova in un frequentato albergo della =
capitale,=20
decisamente pi=F9 al sicuro, ma quello di cui =E8 stato testimone oggi =
difficilmente=20
lo potr=E0 dimenticare. </P>
<P class=3Darticle>Fin dal mattino i colpi, le bombe, i missili hanno =
colpito le=20
aree sud, nord ed ovest di Baghdad. Dalle 11.00 tutti sono stati =
informati=20
attrraverso i megafoni dei soldati e della polizia del coprifuoco che =
sarebbe=20
scattato alle 18.00 e proseguir=E0 almeno fino all=92alba. <BR>Il =
problema quindi=20
per il mio contatto =E8 spostarsi rapidamente, con prudenza, fino ad =
arrivare=20
proprio nella zona dell=92Universit=E0, la pi=F9 martoriata della =
capitale dove =E8=20
l=92appuntamento con altri due colleghi. <BR>Il centro della citt=E0 =E8 =
completamente=20
in mano dell=92esercito iracheno e dei numerosi =93feddayn=94 in =
borghese ed armati=20
che camminano nervosamente su e gi=F9 per le strade. Il traffico =E8 =
pari a zero, la=20
circolazione delle auto ridotta al minimo. Solo un pizzico di fortuna fa =


incrociare le strade del reporter con un vecchio autobus diretto verso =
sud. Lo=20
prende al volo, molto attento alla strada percorsa dal bus per evitare =
di=20
trovarsi in zone sconosciute della citt=E0. <BR>All=92altezza del =
Ministero=20
dell=92Informazione, si rende conto che praticamente tutta l=92area =
residenziale=20
attorno alla piazza =E8 stata bombardata, e sono ancora visibili a terra =
alcune=20
vittime coperte di pietre. Come fosse una pietosa sepoltura. <BR>Pochi =
metri=20
ancora poi decide di scendere dal bus. Meglio cercare di proseguire a =
piedi.=20
<BR>Poco oltre il centro televisivo della IraqiTv, un capannello di =
persone=20
smbra discutere animatamente. Un giovane alto e magro con una =
=93kefiah=94 bianca e=20
rossa arrotolata intorno al collo si esprime in inglese e mette in =
guardia il=20
reporter dal proseguire oltre quella piccola aiuola che delimita un =
incrocio.=20
Non meno di dieci o dodici automobili sono completamente carbonizzate. =
Alzando=20
lo sguardo, l=92intera facciata di un palazzo di 6 piani =E8 sventrata =
in ogni sua=20
parte. Finestre divelte, mobili ed infissi sparsi ovunque. Il ragazzo =
iracheno=20
con espressioni sincopate riesce a descrivere ci=F2 che =E8 accaduto =
neanche un=92ora=20
prima. </P>
<P class=3Darticle>Siamo nell=92area immediatamente adiacente alla =
periferia sud di=20
Baghdad. Oltre questi palazzi nessuno si avventura. </P>
<P class=3Darticle>Una colonna di blindati e jeep americane sono =
arrivate fino=20
alla piazza, travolgendo le aiuole che la delimitavano e sparando sulle =
vecchie=20
auto parcheggiate. Dopo un mezzo giro della rotonda si sono come =
schierate di=20
fronte a quell=92unico palazzo ed hanno aperto il fuoco. Con durezza, =
mirando a=20
tutto ed a niente, sventrando muri e penetrando negli appartamenti. Dopo =
pochi=20
minuti almeno un gruppo di inquilini si sono precipitati fuori gridando =
e=20
piangendo. I soldati sembrava come li aspettassero: inseguiti, =
strattonati e=20
gettati a terra. Con dei lacci di plastica bianca venivano serrati i =
polsi=20
dietro la schiena. Quindi presi per i capelli le teste ficcate di forza =
in=20
cappucci neri. Poi i calci, gli sputi, i manici dei fucili usati come =
clave.=20
Trascinati a terra per decine di metri e butatti dentro degli =
autoblindo.=20
<BR><BR>Questo trattamento =E8 stato riservato ad almeno cinquanta =
civili=20
disarmati, in gran parte donne, vecchi e bambini che abitavano nel =
palazzo senza=20
pi=F9 luce, acqua, medicine. Prigionieri della loro stessa casa da pi=F9 =
di sei=20
giorni. <BR>Sei giorni di paura e di angoscia. Terminati questa mattina =
con un=20
autentico sequestro di persona multiplo a danni, mi ripete il mio =
contatto, di=20
civili disarmati. <BR>Finita l=92=94operazione militare=94, la colonna =
di mezzi=20
americani ha completato il giro della piazza ed =E8 scomparsa nelle =
strade=20
polverose che portano verso l=92aeroporto. </P>
<P class=3Darticle>Il ragazzo iracheno capisce il disagio del reporter =
europeo.=20
Uno straniero ma non un nemico, e lo invita ad andare poco pi=F9 in =
l=E0, fino ad un=20
garage, quasi nascosto dalle rovine di un bombardamento dei giorni =
scorsi.=20
<BR>Questa =E8 la guerra? Chiede senza ottenere risposta, Questi sono =
gli=20
americani che ci devono liberare? Gli uomini che dovremmo rispettare =
perch=E9 sono=20
venuti a tutelare i nostri diritti umani? <BR>Tu cosa faresti se fossero =
i=20
membri della tua famiglia quelli presi a calci, incappucciati e portati =
via da=20
soldati stranieri? </P>
<P class=3Darticle>Il reporter non sa cosa rispondere, pensa =
all=92appuntamento che=20
deve rispettare, al coprifuoco che si avvicina, a cosa trover=E0 andando =
oltre=20
quei palazzi. </P>
<P class=3Darticle>Ma il ragazzo iracheno lo incalza: dimmi tu che sei =
europeo=20
cosa pensano i cittadini dell=92Unione Europea di questa guerra? </P>
<P class=3Darticle>Vieni a vedere la mia casa, =E8 proprio qui sopra. I =
due salgono=20
in fretta le scale ed arrivano di fronte ad una porta di legno dove =
Feisal, cos=EC=20
si chiama il rgazzo, con due colpi dei piedi si fa aprire. Il reporter =
entra e=20
trova almeno dieci persone, la famiglia di Feisal, a terra, chi sdraiato =
chi=20
seduto. Gli fanno cenno di non parlare, di sedersi, di non far rumore. =
Il=20
terrore =E8 stampato su quelle facce con la barba lunga, su quei visi =
femminili=20
circondati da un velo. </P>
<P class=3Darticle>Poi di colpo, di nuovo, il rumore dei mezzi militari. =

<BR>Feisal sbircia dietro i giornali che coprono i vetri delle finestre. =
Gli=20
americani, gli americani quasi grida, e tutti si abbassano a terra. =
Feisal porta=20
il reporter nella sola altra stanza della casa e lo invitaa guardare =
fuori.=20
<BR>La colonna di 15 jeep Hammer. Con le scritte =93UsArmy=94. Quelli =
che hanno=20
fatto fuoco contro quel balconcino del primo piano dove ancora c=92erano =
i vasi di=20
terracotta peini di fiori. </P>
<P class=3Darticle>Questa =E8 la guerra? Chiede ancora Feisal. =
<BR>Gi=E0, questa =E8 la=20
guerra? </P>
<P class=3Darticle>Dopo circa mezzora Feisal, venuto a sapere il luogo=20
dell=92appuntamento del reporter con i suoi colleghi si offre di =
accompagnarlo=20
lui. In auto. Ma non fino all=92hotel, sarebbe troppo pericoloso per =
Feisal=20
tornare indietro. <BR>Scendono di nuovo in strada e dopo aver parlato =
fitto=20
fitto in arabo con altri due ragazzi, Feisal viene raggiunto da una =
vecchia=20
Renault con altri ragazzi a bordo. Il reporter entra, zaino sulle =
ginocchia. Gli=20
occupanti per fargli posto sono costretti a spostare due mitra e due =
fucili e si=20
tirano la =93kefiah=94 sul viso. <BR><BR>Dieci minuti di corsa per =
strade=20
impensabili, fossi e prati, entrare ed uscire da magazzini abbandonati, =
poi=20
l=92auto si ferma. Il reporter scende, fa un cenno di saluto a Feisal ed =
agli=20
altri. </P>
<P class=3Darticle>Vedi, gli dice Feisal, noi siamo =93Feddayn=94, pu=F2 =
darsi che tra=20
un=92ora, domani o tra qualche giorno saremo morti combattendo. Cosa =
diranno i=20
giornali del tuo paese? Che siamo dei =93kamikaze=94, che abbiamo ucciso =
a sangue=20
freddo dei ragazzi del Colorado o della California che erano venuti a =
portarci=20
la libert=E0, a difendere i nostri diritti? </P>
<P class=3Darticle>Tra quei civili incappucciati e brutalizzati che non =
sappiamo=20
neppure dove siano finiti, e perch=E9 gli =E8 stata distrutta la casa e =
loro fatti=20
progionieri c=92erano i genitori si Saul. Ed indica il ragazzo con i =
capelli neri=20
lunghi alla guida dell=92auto. </P>
<P class=3Darticle>Questa =E8 la guerra? Chiede un=92ultima volta Feisal =
prima di=20
rimontare in macchina ed allontanarsi in una nuvola di pietre che =
schizzano=20
lanciate dalle ruote della macchina. </P>
<P class=3Darticle>Che la notte sia leggera. <BR>r. <BR><BR>Ecco le =
corrispondenze=20
che mi arrivano da Amman, di Rosarita Catani, che ha seguito i notiziari =
delle=20
19.00 e delle 23.30 (ora giordana) del canale satellitare =93Al =
Jazeera=94 e della=20
televisione giordana. </P>
<P class=3Darticle><BR>di Rosarita Catani <BR>da Shafa Badran =
<BR>(Amman)=20
<BR>Giordania </P>
<P class=3Darticle>6.4.2003 =96 h. 19.00. <BR>Il cielo di Bagdad =E8 =
nero. Non c=92=E8 un=20
cielo a Bagdad. E=92 pieno giorno ma sembra notte inoltrata. <BR>Fa =
caldo! L=92aria=20
=E8 ancora pi=F9 irrespirabile per il fumo e per il caldo. <BR>Sento i =
rombi degli=20
aerei. I missili cadono come pioggia. <BR>Eccolo! Lo vedo. Ecco un altro =
colpire=20
una casa. Si vedono i pezzi saltare in area. <BR>Il giornalista di Al =
Jazeera=20
commenta le immagini. <BR>Mentre commenta si guarda intorno. Sussulta ad =
ogni=20
scoppio. <BR>Guardo le immagini ed avverto la paura. Una paura che si =
trasmette=20
oltre il video. <BR>Me la sento addosso. <BR>Il giornalista volta la =
testa=20
appena sente il rombo di un aereo. Lo fa vedere. Il suo sguardo =E8 =
cupo.=20
<BR>Sento lo scoppio delle bombe. Sembra d=92averle qui in casa. Ho =
paura anche io=20
adesso. <BR>La citt=E0 =E8 deserta. <BR>Si vede solo questa cortina di =
fumo nero ed=20
il fuoco. <BR>Oggi i bombardamenti sono ancora pi=F9 forti, pi=F9 =
accaniti.=20
Bombardano ovunque oramai. Non mirano pi=F9 ad obiettivi precisi. <BR>Le =
immagini=20
si spostano su Bassora. <BR>Ci sono stati violenti combattimenti fra le =
milizie=20
irachene ed i soldati britannici. <BR>Una carovana di carri armati =
britannici si=20
dirige verso Bassora. Sono arrivati alle porte della citt=E0. =
<BR>Sparano colpi di=20
cannone. Colpite abitazioni civili. <BR>Entrano nella citt=E0 con i loro =
dhabbah=20
(carri armati). <BR>La citt=E0 =E8 gi=E0 martoriata. <BR>La televisione =
araba comunica=20
che molto probabilmente i feddayn scenderanno in azione questa notte per =
colpire=20
i soldati britannici. </P>
<P class=3Darticle></P>
<P class=3Darticle>6.4.03 <BR>Notiziario delle 23.20 ora locale. </P>
<P class=3Darticle>Continuano i bombardamenti. Non si ha respiro. =
<BR>Gli ospedali=20
sono pieni. Non c=92=E8 pi=F9 posto. <BR>Non si conosce n=E9 =
l=92entit=E0 dei danni ancora=20
n=E9 l=92entit=E0 delle vittime. <BR>Guardo il sangue scorrere negli =
ospedali. Sento=20
l=92odore della morte. Si sente l=92odore della morte. <BR>Bambini. I =
bambini che=20
pena. <BR>Portano un bambino ferito, che piccolo, avr=E0 si o no due =
anni. E=92=20
colpito alla testa. <BR>Non c=92=E8 posto. Li mettono per terra i =
feriti. <BR>Vedo i=20
medici correre da una parte all=92altra. <BR>Una signora piange: =93Bush =
non vuole=20
la pace. Noi chiediamo la pace, lui non sa neanche cosa significa la =
Pace. Uno=20
dei miei figli non so neanche dove sia e l=92altro =E8 in ospedale con =
una gamba=20
rotta=94. Urla! E=92 l=92urlo disperato di una madre. <BR>Si asciuga le =
lacrime con il=20
suo ishar e va via. <BR>Un=92altra madre grida tutto il suo dolore e =
dice:=20
Lasciate crescere i nostri figli. Lasciateli vivere e diventare grandi.=20
<BR>Questa notte non c=92=E8 tregua. Le bombe continuano a cadere. =
<BR>Non so se=20
riuscir=F2 a dormire questa notte. <BR>Davanti a miei occhi vi =E8 solo =
distruzione=20
e morte. </P></FONT></DIV>
<DIV><FONT face=3DArial size=3D2></FONT>&nbsp;</DIV>
<DIV><FONT face=3DArial size=3D2></FONT>&nbsp;</DIV>
<DIV><FONT face=3DArial size=3D2></FONT>&nbsp;</DIV>
<DIV><FONT face=3DArial size=3D2></FONT>&nbsp;</DIV>
<DIV><FONT face=3DArial size=3D2>Se desiderate non ricevere pi=F9 queste =
e-mail,=20
comunicatemelo. Grazie,</FONT></DIV>
<DIV><FONT face=3DArial size=3D2>Manuel</FONT></DIV></BODY></HTML>

------=_NextPart_000_000D_01C2FC97.6DC16F90--