[LaBozza] Cementati i tombini americani a Vicenza!

Delete this message

Reply to this message
Author: Cimbalo@hacari.org
Date:  
To: labozza
Subject: [LaBozza] Cementati i tombini americani a Vicenza!
NON MALE!
No dal Molin, scoperchiata verità

COMUNICATO STAMPA

VICENZA, CORTEO NO DAL MOLIN
SCOPERCHIATI TOMBINI FIBRE OTTICHE

I cittadini contrari alla costruzione della nuova base
militare Usa a Vicenza hanno scoperchiato la verità sui
cavidotti per fibre ottiche posati alcune settimane fa nei
pressi dell'aeroporto Dal Molin: uno dei tombini è stato
infatti aperto per ripristinare la situazione preesistente
al cantiere.

I manifestanti - più di mille - sono partiti dal Presidio
Permanente contro la nuova base ed hanno percorso tutta via
Sant'Antonino, parallela alle recinzioni dell'aeroporto che
gli statunitensi vorrebbero trasformare in base di guerra.
Giunti nella zona in cui sono stati posati - senza alcuna
autorizzazione - i cavidotti, i manifestanti si sono fermati
ed alcuni operai dell'"altro comune" hanno eseguito i lavori
di ripristino di Via Sant'Antonino, aprendo il tombino,
tagliando le tubature e colando cemento a presa rapida nella
cavità. Intorno agli operai famiglie, bambini e anziani,
studenti e lavoratori cantavano e inscenavano i lavori in
corso.

Chi credeva che dopo il 17 febbraio la vicenda Dal Molin
fosse chiusa deve oggi ricredersi. L'iniziativa di oggi,
infatti, lancia un segnale chiaro: i cittadini di Vicenza
sono pronti a bloccare pacificamente ma con determinazione i
cantieri dell'opera militare. La chiusura dei cavidotti per
fibre ottiche, posati alcune settimane fa per garantire le
comunicazioni tra installazioni militari, ne è la miglior
dimostrazione: la nuova base al Dal Molin non si farà mai.

Il futuro è nelle nostre mani: difendiamo la terra per un
domani senza basi di guerra.

***************************
Presidio Permanente NO Dal Molin
Via Ponte Marchese - Vicenza
www.nodalmolin.it
www.altravicenza.it

IL FUTURO è NELLE NOSTRE MANI
Difendiamo la terra per un domani
senza basi di guerra
***************************